Picchia il professore con un pugno al volto, dopo il rimprovero

Davanti ai genitori

L'istituto superiore teatro dell'aggressione

Non aveva accettato quel rimprovero del professore, giunto davanti ai genitori. Un rimprovero che era figlio di un comportamento violento ai danni di un compagno di classe.

E così, un 15enne che frequenta il primo anno nella succursale di Chivasso dell’Istituto professionale per l’Agricoltura "Carlo Ubertini" di Caluso, ha deciso di sferrare un pugno - secco, preciso e potente - sul volto del professore di sostegno, facendolo finire in ospedale.

E' successo nella mattinata di lunedì, 8 aprile 2019, in via Felice Ajma.

L'uomo, un 25enne originario di Napoli - da due anni a Chivasso - è stato medicato dal personale sanitario 118, prima del suo trasporto in ospedale per gli accertamenti clinici del caso, visto che dopo essere stato aggredito e rincorso per alcuni metri dallo stesso studente, il professore è poi caduto a terra, battendo la testa contro la porta dell'aula insegnanti.

La notizia, oltre che fare il giro della cittadina e della scuola stessa, è stata comunicata al dirigente scolatico e ai carabinieri, con i militari che hanno già avviato le indagini di rito.

Ora il giovane rischia una maxi sospensione e, forse, anche la perdita dell'anno scolastico. Ma questo è il meno, visto che soprattutto rischia di essere querelato dal professore per lesioni.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mini in corsia d'emergenza esplode dopo essere urtata da un'altra auto: morti padre e figlia

  • Terribile schianto nel sottopasso, ma è la scena della fiction con Raoul Bova

  • Frontale fra due automobili: un uomo è morto, cinque persone ferite

  • Maxi-tamponamento in tangenziale: coinvolti cinque veicoli, traffico paralizzato

  • Scontro auto-ambulanza: una persona è morta

  • Scossa serale di terremoto: avvertita dalla popolazione, ma nessun danno

Torna su
TorinoToday è in caricamento