Due rinvii a giudizio per la morte della donna incinta

Era finita contro una porta a vetro

L'ospedale Mauriziano di Torino

La Procura di Ivrea ha rinviato a giudizio due persone nell'ambito dell'inchiesta per la morte di Manuela Rosselli, la 40enne di Varisella deceduta dopo essere finita contro una porta a vetro di casa. Un incidente domestico che le ha reciso l'arteria femorale destra, non lasciandole scampo. 

La tragedia era avvenuta il 14 novembre del 2014. La Rosselli, dipendente della Coca Cola, era al settimo mese di gravidanza: all'epoca dei fatti, non c'era stato nulla da fare neanche per la bambina che portava in grembo, nonostante l'equipe medica dell'ospedale Mauriziano di Torino abbia tentato in ogni modo di salvarle la vita. 

Il giudice per l’udienza preliminare, Alessandro Scialabba, ha disposto il rinvio a giudizio nei confronti di Armando e Pasquale Seva (difesi dagli avvocati Marco Stabile e Ursula Pane). Per l'accusa, la porta finestra che ha causato la morte della donna, era priva di vetro temprato ed era stata installata dai due fratelli in fase di ristrutturazione.

Una tesi che è stata respinta dalla difesa. La famiglia della Rosselli si è costituita parte civile tramite l’avvocato Giorgio Faccio. Prossima udienza il 19 marzo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Ambulante positivo al coronavirus va al mercato a vendere frutta e verdura: denunciato

  • Clienti in coda davanti alla gelateria, scatta la multa. "Ma non posso fare il vigile"

  • Uccide una donna a colpi di pistola nel piazzale del supermercato, poi si costituisce

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

  • Coronavirus, paziente in condizioni disperate salvato con l'ossigeno-ozono terapia

Torna su
TorinoToday è in caricamento