Sigilli alla storica ditta di cioccolatini: il futuro è appeso ad un filo

Affitti e stipendi non pagati

La Peyrano in corso Moncalieri

Per chi è di Torino, il nome Peyrano significa una cosa sola: cioccolatini. Una ditta storica, piemontese e torinese, che per decenni è stata sinonimo di vanto subalpino.  

Ora però si sta vivendo un momento molto cupo, visto che l'altro giorno sono stati apposti i sigilli in corso Moncalieri, sede primaria dei laboratori della Peyrano.

Il motivo è presto detto: il mancato pagamento degli affitti al Cottolengo, proprietario dei muri del maxi laboratorio dove ogni giorno venivano preparati cioccolatini, praline ed altre prelibatezze.

La Flai-Cgil da tempo sta seguendo questa vicenda. E se da una parte la proprietà dice di essere in un momento difficile ma che tutto si risolverà nel migliore dei modi a breve giro di posta, tra i lavoratori c'è forte preoccupazione.

Perché i dipendenti non percepiscono soldi da mesi: l'ultimo acconto riguarda la tredicesima del 2017.

I sigilli per ora sono sulla parte dedita alla produzione: quella del confezionamento è ancora accessibile perché si dà così modo ai Peyrano di poter vendere i prodotti e recuperare soldi per risanare il debito con il Cottolengo e con i dipendenti.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • Quindi un'altra,attivita'che chiude i battenti!! soluzione 1,invece di farla fallire,si poteva fare un concordato preventivo in modo da garantire ai creditori,soluzione 2-un contratto di affitto d'azienda ad un operatore del settore,in maniera tale da garantire continuita'aziendale,soluzione 3-un prestito ponte da parte di una Banca che crede nel progetto di rilanciare l'azienda!! facendola fallire,tutti perdono,tutti ci rimettono,in primo luogo la proprieta'e i dipendenti!!!,se Torino difende cosi'i marchi di prestigio del Piemonte,vuol dire,che manca una visione ampia di come rilanciare l'economia della citta'!!!

  • Nessuno fa' piu'sconti!!!

  • mi sto meravigliando che è un'azienda perché di azienda si parla come il Cottolengo dopo che ha ricevuto milioni di euro in beneficenza donazioni si fermi e sfratti aziende in difficoltà

  • gia' perche' se li lasci lavorare non risanano meglio

Notizie di oggi

  • Cronaca

    200euro per l'acquisto della divisa, ma del lavoro promesso nemmeno l'ombra: un arrestato

  • Cronaca

    Lingotto-Bengasi, incrociano le braccia gli operai del cantiere della linea 1 della metro

  • Cronaca

    "Sì, ci allacciamo abusivamente": l'ammissione shock all'inviato di "Striscia la Notizia"

  • Video

    Piazza Baldissera, mobilitazione per il sottopasso e timori per la chiusura di via Cecchi

I più letti della settimana

  • Follia in centro città: ferito un uomo con tre colpi d'accetta, aggressore in fuga

  • Spari in piazza: rapinato un furgone portavalori, ferita una guardia giurata

  • Nuvole su Torino, è attesa la neve

  • Doppio incidente nella notte: auto impazzita travolge tre persone, ferito gravemente il conducente

  • "Costretta ad assistere ai rapporti sessuali della mamma": donna e suo amante a processo

  • Colta da un malore in casa, mamma muore tre ore dopo: indagati sanitari dell'ambulanza e medico del pronto soccorso

Torna su
TorinoToday è in caricamento