Pesce surgelato in vendita anche se mal conservato: denuncia, multa e sequestro

Controlli della municipale in diversi negozi

Il pesce surgelato sequestrato

Quasi 60 chilogrammi di pesce surgelato - tra cui sgombro, nasello e orata - in cattivo stato di conservazione. E' quanto hanno trovato, nel corso di un controllo, gli agenti della polizia locale del comando "Barriera di Milano" nella mattinata di oggi, giovedì 17 gennaio 2019, in un negozio di generi alimentari di corso Giulio Cesare, all'angolo con via Feletto, gestito da una donna di nazionalità nigeriana: la titolare è stata denunciata e tutto il pesce è stato sequestrato. 

Sempre stamane, gli agenti del comando "Aurora" hanno ispezionato una gastronomia all’inizio del corso Giulio Cesare, gestita da un uomo nord-africano. Durante i controlli sono stati trovati il pavimento sporco, prodotti per la pulizia collocati vicino agli alimenti, bidoni dell'immondizia privi di copertura, mancanza del relativo cartello indicante l'orario di apertura e chiusura dell'esercizio. Il titolare è stato sanzionato a livello amministrativo.

Analoghi controlli, e analoghe sanzioni, per altre due gastronomie - gestite da un nord-africano e da un cinese - sempre in corso Giulio Cesare.

Infine, in un bar di corso Giulio Cesare, gestito da cittadino italiano, sono stati posti sotto sequestro amministrativo tre videolottery per non aver ottemperato all'attuale normativa regionale in merito agli orari di accensione, specie se in zone vicine a luoghi sensibili, come scuole, chiese e banche.  

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mini in corsia d'emergenza esplode dopo essere urtata da un'altra auto: morti padre e figlia

  • Frontale fra due automobili: un uomo è morto, cinque persone ferite

  • Terribile schianto nel sottopasso, ma è la scena della fiction con Raoul Bova

  • Scontro auto-ambulanza: una persona è morta

  • Mancano le autorizzazioni per vendere: chiusa la panetteria del centro commerciale

  • Il Comune di Torino assume: 238 nuovi dipendenti entro la primavera 2020

Torna su
TorinoToday è in caricamento