Con la pistola ad aria compressa minaccia l’ex fidanzata sul pianerottolo di casa: arrestato

Per atti persecutori

Immagine di repertorio

Poco dopo le 23 di venerdì 5 ottobre si è introdotto in un condominio del quartiere Parella dove abita la sua ex fidanzata e, giunto sul pianerottolo di casa al secondo piano, ha cominciato a minacciare la donna chiusa all’interno che aveva chiesto aiuto al 112.

Agli agenti della Squadra Volante inviati dalla Centrale Operativa l’uomo, un 42enne rumeno, ha detto che aspettava una donna. In una delle tasche dei suoi pantaloni gli agenti hanno trovato una pistola ad aria compressa e hanno anche appurato che sullo spioncino della porta era stato applicato un pezzo di carta per impedire la vista sul pianerottolo.

Poco dopo la donna ha confermato di aver chiamato lei la Polizia visto che l’uomo, il suo ex compagno, la perseguitava da tempo con telefonate e messaggi incessanti. L’uomo da quando la donna aveva interrotto la relazione l’aveva anche minacciata in diverse circostanze, talvolta inviandole foto equivoche e altre dicendole che le avrebbe fatto perdere il lavoro. 

Il 41enne è stato arrestato dagli agenti della Squadra Volante per atti persecutori.
 

Potrebbe interessarti

  • Pesche alla piemontese: un dolce estivo, leggero, veloce e facile da preparare

  • Il Farò di San Giovanni, speriamo che la pira caschi dalla parte giusta!

  • Il gelato secondo i torinesi: dibattito aperto alla ricerca della gelateria preferita

  • Le migliori vinerie: dove comprare il vino sfuso a Torino

I più letti della settimana

  • Il destino è stato più veloce di Luigi, che era appena diventato papà di una bambina

  • Morto in casa da giorni, i suoi cani sbranano il corpo

  • Tragedia nel cortile: bimba piccola investita dall'auto della mamma, morta

  • Alimenti putrefatti, blatte, scarafaggi ed escrementi: chiuso il panificio-pasticceria

  • Meteo: addio ai temporali, arriva il super caldo

  • Brutto incidente con due auto fuori strada, cinque feriti tra cui due minorenni

Torna su
TorinoToday è in caricamento