Nonostante i lavori, la palestra continua ad essere "off limits": gli studenti meditano lo sciopero

I disagi vanno avanti dal 2013

La palestra dell'Albe Steiner

Quella palestra la attendono con ansia da quasi sei anni. Visto che è dal lontano 2013 che gli studenti - di grafica, fotografica e audiovideo - della succursale dell'istituto superiore "Albe Steiner" di via Monginevro 291 vorrebbero poter fare educazione fisica, come tutti i coetanei che vanno a scuola nell'intera area metropolitana.

E adesso che i lavori di messa a norma sono conclusi - dopo che erano state riscontrare delle problematiche e che avevano indotto l'allora Provincia alla chiusura - la palestra continua ad essere chiusa.

E i mesi passano. Così come passano le lezioni di educazione fisica che gli studenti sono costretti a portare a compimento nel cortile della scuola stessa. In luoghi non totalmente sicuri e, di certo, non idonei a poter correre, giocare a pallavolo, basket o calcetto.

Ora gli studenti, che per il momento non hanno ottenuto le giuste - e doverose - risposte da parte della direzione scolastica e della Città Metropolitana, stanno pensando di riproporre uno sciopero come quello della volta precedente, datato aprile 2015. 

Potrebbe interessarti

  • Sagre, feste e prodotti tipici: 6 appuntamenti da non perdere a luglio

  • Sei bersagliato dalle punture di zanzara? Sette motivi per cui preferiscono proprio te

  • Insalata di petti di pollo alla piemontese: una ricetta veloce, fresca e saporita

  • "Quando la bicicletta non sta sul balcone"

I più letti della settimana

  • Autocisterna travolge bici, ragazza resta schiacciata sotto le ruote: morta

  • Tragedia nella serata: donna si suicida gettandosi dal settimo piano

  • Terribile scontro fra due veicoli: morto un papà, due feriti

  • Auto esce di strada e si schianta contro un albero, medico grave in ospedale

  • Detrito come un proiettile trapassa un'auto da parte a parte: conducente illeso per miracolo

  • Addio a Sabino, una roccia sul ring e un papà dolcissimo

Torna su
TorinoToday è in caricamento