Oltre 66 chili di prodotti congelati spacciati per freschi: multa da 30mila euro

Indagini su presunto lavoro nero

Le ostrische sequestrate in via Goito

In un bar-ristorante di via Goito 4/F, gestito da un cittadino cinese, ieri notte, giovedì 16 maggio 2019, la polizia di Stato ha sequestrato più di 66 chili di prodotti di origine animale e non.

Numerose le irregolarità amministrative riscontrate: mancata comunicazione di ampliamento di superficie di somministrazione del locale, mancanza dei prezzi all’interno del locale e sui prodotti da asporto, mancanza del cartello dell’orario e delle prescrizione dell’art 44 ter, Regolamento Polizia Urbana, mancata iscrizione Conoe per smaltimento oli esausti, irregolare compilazione del manuale Haccp, rintracciabilità degli alimenti, gravi condizioni igienico sanitarie, non rispetto di requisiti strutturali.

Il titolare è stato denunciato per la cattiva conservazione del cibo e per frode in commercio, con sanzioni amministrative per 30mila euro. Gli agenti, infatti, hanno trovato numerosi prodotti congelati che nel menu non venivano indicati come surgelati.

Altri accertamenti sono in corso da parte del personale dell’Ispettorato del Lavoro in merito alla regolare assunzione dei lavoratori: uno è stato trovato senza regolare contratto di assunzione e per questo il locale verrà chiuso fino alla regolarizzazione del dipendente, oltre al pagamento di 2mila euro di multa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Qualità dell’aria, scatta il livello viola: bloccati tutti i veicoli euro 5

  • La folle corsa di due carri-attrezzi a 120 km/h: patenti ritirate ai conducenti, multe per 2.700 euro

  • Omicidio-suicidio nella villetta: marito uccide la moglie con un colpo di balestra e poi si toglie la vita

  • Scende dopo lo scontro con un'altra auto e viene investito: morto

  • Emergenza smog: continua lo stop a tutti i veicoli diesel fino agli Euro 5

  • Ragazza investita dal treno, morta: è stato un incidente. Circolazione ferroviaria bloccata

Torna su
TorinoToday è in caricamento