Amputata la mano destra all'ultramaratoneta sardo: operazione riuscita

Asportate le dita della mano sinistra

Roberto Zanda

E' tecnicamente riuscita la prima operazione chirurgica su Roberto Zanda, l'ultramaratoneta sardo che è rimasto con tutti e quattro gli arti congelati durante lo Yukon Arctic Ultra, in Canada.

L'intervento è durato 4 ore ed è stato eseguito questa mattina, mercoledì 21 marzo 2018, dall'equipe del dottor Bruno Battiston, direttore della Struttura Chirurgia della mano e arto superiore dell'ospedale Cto della Città della Salute di Torino.

Due le fasi dell'operazione. Nella prima è stata amputata la mano destra a livello del polso per il livello, in modo tale da permettere il posizionamento della protesi bionica: salvo complicazioni, l'innesto avverrà tra un paio di settimane.

Poi è stata la volta della mano sinistra, dove sono state asportate le dita necrotizzate in Canada, e la copertura dei monconi con dei lembi di carne: uno per il pollice ed uno per le dita lunghe a ricreare dei simil monconi che possano effettuare una specie di pinza per la presa.

La prognosi per ora resta riservata. 

Potrebbe interessarti

  • Bevute eccessive: gli effetti immediati, il post-sbornia, i rimedi

  • I pericoli in mare e in piscina: l’acqua alta e la congestione

  • Peperoncino: tutti i rimedi al bruciore

  • Pancia gonfia, cause e rimedi per combatterla

I più letti della settimana

  • Ragazza arriva in ospedale per un trapianto di cuore, ma i medici salvano il suo

  • Tragedia nel condominio: donna si suicida gettandosi dal settimo piano

  • Scontro frontale tra moto e auto: due centauri sbalzati via per diversi metri, sono gravi

  • Marito uccide la moglie con una lima da modellismo, dopo qualche ora si costituisce

  • Rimane appesa alla ringhiera del balcone poi cade nel vuoto: ragazza in gravi condizioni

  • Viene travolta da un'auto mentre attraversa la strada: è grave in ospedale

Torna su
TorinoToday è in caricamento