Rifiuti lanciati dentro all'isola ecologica: i civich li multano grazie alle telecamere

Anche non differenziati

Un cittadino sorpreso dalle telecamere

Pensavano di poter gettare i rifiuti nelle isole ecologiche di piazza Agorà, a Borgaro, sbarazzandosi dei sacchetti, spesso e volentieri non differenziati, come se nulla fosse.

Ma non hanno fatto i conti con le nuove telecamere del sistema di videosorveglianza cittadino, che sono riuscite a pizzicarli e, attraverso gli agenti della polizia locale, adesso sono stati sanzionati, con multe che differiscono tra i 25 e i 155 euro.

Nei guai non solo cittadini ma anche esercenti della zona. I civich sono intervenuti dopo diverse segnalazioni da parte dei residenti della zona, stufi di vedere questo comportamento che nulla ha a che vedere con la civiltà.

"Continueremo a monitorare l'area e sanzioneremo i responsabili affinchè tutti rispettino le regole sui conferimenti dei rifiuti", commenta il comandante della polizia locale, Massimo Linarello. 

Sono state poste a carico del condominio le spese straordinarie di pulizia dell'area.

"Abbiamo spostato l'area ecologica per venire incontro alle esigenze di decoro della attività commerciali poste nelle immediate vicinanze. Adesso ci pare giusto vigilare perchè la nuova area sia utilizzata nel modo corretto da parte di tutti gli utenti, attività commerciali e condimini", spiegano il sindaco Claudio Gambino e l'assessore all'Ambiente, Federica Burdisso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in ospedale: neonata muore mezz'ora dopo la nascita

  • "Da domani la strada sarà piena di veleno per i vostri cani" e i residenti insorgono sul web

  • Doppia scossa di terremoto a mezz'ora l'una dall'altra: avvertite dalla popolazione

  • Fine corsa per il pirata della strada, la sua auto era in carrozzeria: arrestato

  • Scontro violento fra auto: i vigili del fuoco estraggono due ragazze dalle lamiere

  • Incendio divampa nell'appartamento al nono piano, famiglia con bimbe piccole messa in salvo

Torna su
TorinoToday è in caricamento