Rimane sull'autobus e scompare: trovato morto

Nel cortile di un'azienda

Renato Garrone aveva 83 anni

L'ultima volta che la moglie lo ha visto era ieri mattina, attorno alle 11, mentre con l'autobus della linea "14" si stavano recando a Nichelino.

Ma Renato Garrone, torinese di 83 anni, da quel mezzo non è sceso, proseguendo la sua corsa. Per tutto il pomeriggio e la serata di ieri, mercoledì 17 gennaio 2018, lei e i suoi parenti lo hanno cercato ovunque, assieme ai carabinieri.

Speravano potesse fare ritorno a casa, in via Duino, a Mirafiori, anche se erano molto preoccupati, perché doveva prendere dei farmaci ed era malato di Alzheimer.  Ma a casa non è mai tornato.  

Questa mattina l'amara scoperta, in un cortile di una ditta di via Marchese a Collegno, a ridosso del Campo Volo.

Sul posto è arrivato il medico legale. Anche se è stata disposta l'autopsia, da una prima ricostruzione la morte sarebbe da addurre ad una caduta accidentale da un muretto. Non è stato infatti riscontrato alcun segno di violenza, e i documenti e il portafogli erano regolarmente nella tasca posteriore dei pantaloni che indossava.

 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile schianto nel sottopasso, ma è la scena della fiction con Raoul Bova

  • Maxi-tamponamento in tangenziale: coinvolti cinque veicoli, traffico paralizzato

  • Scossa serale di terremoto: avvertita dalla popolazione, ma nessun danno

  • Scontro tra camion e moto, morto il centauro

  • Incendio in una carrozzeria, dipendente ustionato: è grave

  • Scontro auto-tram all'incrocio: la macchina finisce in mezzo ai binari

Torna su
TorinoToday è in caricamento