Il calcio è in lutto: è morto Giovan Battista Moschino

Aveva 80 anni

Giovan Battista Moschino, 80 anni

Il popolo granata piange Giovan Battista Moschino, centrocampista dai piedi sopraffini, il regista del Toro dal 1959 al 1961 e poi dal 1963 al 1970, collezionando 194 presenze e mettendo a segno, tra serie A e B, 17 reti. 

Moschino è morto questa mattina, sabato 20 luglio 2019, a 80 anni nella sua Vigevano, dove era nato il 28 marzo del 1939.

In maglia granata ha vinto un campionato di Serie B - il primo della storia - nel torneo cadetto 1959-60 e una Coppa Italia, al termine della stagione 1967-68. E' stato anche protagonista del terzo posto del Toro e nella semifinale di Coppa delle Coppe nel 1965. 

Immediato il cordoglio da parte del presidente Urbano Cairo e tutto il Torino Football Club: "dirigenti, dipendenti, allenatori, calciatori, Settore giovanile si stringono commossi intorno alla famiglia Moschino per la scomparsa di Giovan Battista Moschino, ex calciatore granata, colonna del Torino negli Anni ’60 con 253 presenze complessive in nove stagioni, come regista di centrocampo Moschino è stato un irrinunciabile punto di riferimento per i suoi allenatori ed i compagni, oltre a essere un affidabile rigorista ed un professionista esemplare, amatissimo dai tifosi. 

I funerali di Giovan Battista Moschino saranno celebrati a Vigevano, lunedì 22 luglio alle ore 9.30, nella parrocchia di San Francesco. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Qualità dell’aria, scatta il livello viola: bloccati tutti i veicoli euro 5

  • La folle corsa di due carri-attrezzi a 120 km/h: patenti ritirate ai conducenti, multe per 2.700 euro

  • Omicidio-suicidio nella villetta: marito uccide la moglie con un colpo di balestra e poi si toglie la vita

  • Scende dopo lo scontro con un'altra auto e viene investito: morto

  • Emergenza smog: continua lo stop a tutti i veicoli diesel fino agli Euro 5

  • Ragazza investita dal treno, morta: è stato un incidente. Circolazione ferroviaria bloccata

Torna su
TorinoToday è in caricamento