Addio a Massimo, l'ex vicesindaco con la passione della fotografia

Aveva 54 anni

Massimo Fiorindo, 54 anni

La comunità di Cavagnolo è in lutto per l'improvvisa morte di Massimo Fiorindo, 54 anni, noto in paese per essere stato vicesindaco durante il mandato di Franco Sampò,tra il 2004 e il 2011.

Fiorindo era stato colto da malore nella serata di sabato, 5 gennaio 2019, venendo ricoverato d'urgenza all'ospedale di Chivasso. Le sue condizioni erano parse gravi sin dai primissimi momenti. Poi il peggioramento e la morte, che ha lasciato sgomento l'intero paese, nella serata di ieri, 8 gennaio 2019.

Oltre alla passione per la politica e la fotografia, Fiorindo era responsabile commerciale della "Neos", azienda che si occupa di parcheggi.

Dopo la parentesi da vicesindaco, aveva smesso con la politica attiva anche se era sempre presente alla vita di comunità, diventando referente zonale del "Movimento per la Decrescita Felice".

Toccante il ricordo di Andrea Gavazza, sindaco di Cavagnolo, scritto sulla pagina Facebook "Cavagnolo Viva!": "Ci siamo conosciuti su banchi opposti del Consiglio Comunale, la stima e l’amicizia sono maturate nel confronto reciproco: eri una persona rigorosa e appassionata, ti sei impegnato tanto per il nostro paese. Grazie Massimo, fai buon viaggio!".

I funerali verranno celebrati domani, giovedì 10 gennaio 2019, alle 15, nella chiesa parrocchiale di Cavagnolo, in piazza Vittorio Veneto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Cadavere putrefatto e decapitato trovato in un campo, si era suicidato impiccandosi a un albero

  • Automobilisti attenti: a mezzanotte entrano in servizio i semafori anti-passaggio col rosso

  • Investita mentre attraversa la strada davanti a casa: è grave

Torna su
TorinoToday è in caricamento