Piantagione di cannabis in mezzo ai boschi, arrestato operaio-contadino

Il sequestro da parte dei carabinieri

I carabinieri di Vico Canavese sono rimasti appostati per diverse ore prima di cogliere in flagranza di reato un operaio, incensurato di 43 anni residente a Vico Canavese, che curava le 29 piante di cannabis nascoste tra la fitta vegetazione dei boschi di Meugliano.

La successiva perquisizione domiciliare ha consentito ai militari di trovare e sequestrare altri 3,9 kg di infiorescenze e foglie di marijuana nonché la somma di 3.130 euro in contanti ritenuta provento dell’illecita attività di spaccio, una macchina per sottovuoto e 94 vasetti in plastica con residui di terriccio con annotazioni riconducibili al tipo di pianta coltivata.

La sostanza stupefacente, il materiale per il confezionamento ed il denaro sono stati sottoposti a sequestro.

L’uomo è stato dichiarato in arresto per coltivazione e detenzione illegale di sostanze stupefacenti e, su disposizione della Procura di Ivrea, è stato ristretto agli arresti domiciliari. Il Gip di Ivrea, che ha convalidato l’arresto, ha disposto nei confronti del 43enne l’applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tifosa non passa inosservata, ripresa dalle telecamere allo Stadium: ora ha migliaia di followers

  • Scontro auto-ambulanza all'incrocio: sei persone rimaste ferite

  • Shopping, 3 tonnellate di vestiti in vendita "al chilo": l'evento per due giorni a Torino

  • Arriva l'inverno: prima neve in città e brusco calo delle temperature

  • Paura al campo di calcio: bambino di 8 anni si accascia al suolo mentre gioca la partita

  • Marito e moglie investiti da un'auto mentre attraversano la strada

Torna su
TorinoToday è in caricamento