Il cellulare suona e "tradisce" il giovane in fuga dai carabinieri

Ora rischia una denuncia

Immagine di repertorio

Quando ha visto i carabinieri al posto di blocco che gli intimavano di fermarsi, perché stava percorrendo la strada in scooter ma con le luci spente, un ragazzo di Rivalta ha provato a fuggire.

E' successo lunedì scorso, 11 marzo 2019. 

Di qui un lungo inseguimento per le vie della cittadina, fino a quando il giovane non ha abbandonato il motorino, fuggendo per i campi. 

Ma nella fuga, ha perso il cellulare che, poco dopo, ha iniziato a suonare: era la madre del ragazzo, del tutto ignara di cosa stesse accadendo ma, probabilmente, in pensiero per il giovane che ancora non aveva fatto ritorno a casa.

I militari, a quel punto, rispondono al cellulare e raccontano l'accaduto alla donna. E ora per il giovane sono guai seri: oltre alla multa perché il mezzo era senza assicurazione, rischia la denuncia per resistenza a pubblico ufficiale.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • La mamma ti apre il c$#o

  • La mamma ti vuole bene

  • Bel elemento...

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Uomo ucciso con un colpo di pistola alla testa: c'è un fermato

  • Cronaca

    Seminterrato trasformato in serra per la coltivazione della marijuana: due arresti

  • Cronaca

    Scavi nella casa cercando il corpo di Samira, ma nessun ritrovamento

  • Cronaca

    Bustarella da 5mila euro per rilanciare il vecchio centro commerciale: arrestato imprenditore

I più letti della settimana

  • Ragazza di 15 anni si suicida nel parco: il suo corpo trovato impiccato a un albero

  • Tir sbanda ed esce dalla tangenziale rimanendo su un fianco: carico di carne si rovescia nel fosso

  • Rapina nel supermercato: banditi armati di pistola fuggono col bottino

  • La Dea Bendata "bussa" nella cittadina: vinti 2 milioni di euro con un "Gratta e vinci"

  • Manifestazione in centro città, variano il servizio alcune linee Gtt: i dettagli

  • Intimidazioni e attentati, operazione contro la 'ndrangheta: 16 arresti

Torna su
TorinoToday è in caricamento