Distrutta dalle fiamme la storica trattoria: crollato anche il tetto

Provinciale chiusa al traffico

Le fiamme alla Trattoria dei Passeggeri

E' uno dei ristoranti più caratteristici delle Valli di Lanzo e, in particolar modo, della Val d'Ala. 

La "Trattoria dei Passeggeri", di frazione Bracchiello 19 a Ceres, da questa mattina, domenica 3 marzo 2019, è teatro di un incendio che ha pressoché completamente distrutto i locali.

L'allarme è stato lanciato da alcuni residenti attorno alle 7.30. Immediato l'arrivo sul posto dei vigili del fuoco di Lanzo, Mathi e Torino, che hanno lavorato alacremente per spegnere le fiamme. 

Con loro anche i carabinieri della stazione di Ceres, che ora avranno il compito di chiarire cosa sia accaduto nella trattoria.

Da una prima ricostruzione, sembrerebbe che l'incendio sia partito dalla cucina, per poi estendersi in tutta la trattoria, visto che tutto il locale è fatto in legno. Il calore ha poi fatto crollare anche il tetto, rendendo di fatto inagibile il locale.

Per fortuna, nessuna persona è rimasta ferita o intossicata.

Il locale, gestito da Giovanni Poma - ristoratore e grande esperto di vini - che lo ha recentemente rilanciato, è un punto di riferimento per la zona. In particolare per i turisti, vista la predisposizione ad una cucina di qualità, con prodotti a "km 0".

Le operazioni di spegnimento sono ancora in corso: la strada provinciale 2 è chiusa al traffico. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primo caso di Coronavirus a Torino: un quarantenne che è stato in contatto con i casi in Lombardia

  • Coronavirus, altri tre casi a Torino: salgono a quattro i contagi in Piemonte

  • Emergenza Coronavirus a Torino e in Piemonte, scuole chiuse e tende da campo davanti agli ospedali

  • Precipita dal quarto piano mentre fa lavori in casa: morto dopo l'arrivo in ospedale

  • Moto trovata in un fosso a bordo strada: centauro morto nonostante i soccorsi

  • Perde il controllo dell'auto che invade la corsia opposta: scontro frontale, ragazzo grave in ospedale

Torna su
TorinoToday è in caricamento