Futuro incerto per la "fontana pendente" in vetro di piazza Benefica

Entro la fine dell'anno gli accertamenti della procura, chiesti dai cittadini del comitato spontaneo Cit Turin, stabiliranno se rimuovere oppure no la pesante scultura

"La totalità", il monumento in bilico di piazza Benefica

In Italia le opere d'arti pendenti hanno sempre riscosso un certo successo ma "La totalità", scultura che domina il centro di piazza Benefica, incute in effetti una certa impressione. Entro la fine dell'anno sarà lo stesso procuratore Raffaele Guariniello a decidere quale sarà il suo destino. Inaugurato nel 1999, il monumento - ad opera dell'artista greco Costas Varotsos - è costituito da una pila di lastre di vetro riciclate che nel complesso pesano ben 43 tonnellate e che nel 2007 già avevano allarmato la cittadinanza per aver assunto una preoccupante posizione di pendenza. Nel 2009 il capolavoro è stato restaurato e con esso sono state recuperate le funzionalità della fontana ma le angosce di chi abita da queste parti, e vive quotidianamente la piazza anche per via del famoso mercato, non si sono certo dissolte. Pezzi di vetro appartenenti all'opera vengono infatti ritrovati, di tanto in tanto, attorno al suo perimetro e anche la sua stabilità sembra essere in serio pericolo. Bisogna infatti fare i conti con gli agenti atmosferici e con il guano dei piccioni che a lungo andare, depositandosi, diventa corrosivo, mettendo in serio pericolo la sicurezza di chi frequenta i giardini in cui è situato il monumento. Pare inoltre che la statua non sia provvista di un regolare documento di collaudo e che il perno principale su cui poggia, non sia d'acciaio.

Il  comitato spontaneo di cittadini del quartiere Cit Turin già nel novembre 2013, aveva inviato un esposto al procuratore Raffaele Guariniello per chiedere accertamenti sulla stabilità dell'opera. Indagini che è riuscito ad ottenere solo successivamente all'evento luttuoso in Valtellina che nel mese di aprile 2014 ha visto la morte di un giovane, colpito dalla croce dedicata a Papa Wojtyla, crollata improvvisamente. Al momento la scultura è protetta da un involucro ed entro la fine dell'anno si avranno i risultati del campionamento richiesto dalla procura, con la conseguente decisione: mettere in totale sicurezza o più semplicemente rimuovere l'opera dell'artista greco?  

Essendoci poi un progetto di riqualificazione della piazza, che vorrebbe l'alleggerimento del viale alberato attorno alla stessa con lo spostamento dell'area mercatale al centro del giardino, la permanenza della scultura potrebbe essere d'intralcio. "Considerata la sua pericolosità - ha dichiarato Maurizio Trombotto, presidente della Commissione Ambiente del Comune di Torino che si occupa della questione -, il suo rendere difficoltoso il ridisegnamento della piazza e il contesto storico non troppo adatto nel quale è stata posizionata, "La totalità" a parer mio potrebbe anche essere rimossa":

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Cadavere putrefatto e decapitato trovato in un campo, si era suicidato impiccandosi a un albero

  • Automobilisti attenti: a mezzanotte entrano in servizio i semafori anti-passaggio col rosso

  • Investita mentre attraversa la strada davanti a casa: è grave

Torna su
TorinoToday è in caricamento