Una folla per l'ultimo saluto ai due giovani e grandi amici

Lutto cittadino

Lacrime e tanta commozione per l'ultimo saluto a Simone Goglio e Raffaele Antonucci, i due ragazzi morti a seguito di un terribile incidente stradale lungo la statale 460, al confine fra Cuorgnè e Pont Canavese.

Oggi pomeriggio, sabato 17 febbraio 2018, oltre 1.500 persone si sono strette attorno ai genitori e ai parenti dei due ragazzi. In prima fila c'era il sindaco, Paolo Coppo, che nei giorni scorsi aveva proclamato il lutto cittadino, definendo l'incidente "una tragedia che ha sconvolto tutta la nostra comunità".

I feretri dei due giovani sono stati portati a spalle dagli amici, partendo dalle rispettive abitazioni, arrivando alla chiesa parrocchiale di San Costanzo in un silenzio surreale, spezzato solo dalla recita di alcune preghiere.

Durante l'omelia, il parroco, don Aldo Vallero, ha voluto soffermarsi sull'importanza di avere fede in queste circostanze e che solo la preghiera può confortare e consolare.

E sono stati tanti i giovani che hanno letto poesie, messaggi o semplicemente ricordato con aneddoti Simone e Raffaele. 

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Allegati

Potrebbe interessarti

  • Insalata di petti di pollo alla piemontese: una ricetta veloce, fresca e saporita

  • Il Barbecue perfetto:  6 regole fondamentali

  • Bagnet verd, la tipica salsa piemontese: assaggiatela coi tumin

  • Come combattere la piaga dei punti neri

I più letti della settimana

  • Autocisterna travolge bici, ragazza resta schiacciata sotto le ruote: morta

  • Scendono a cambiare la gomma a terra, passa un'auto e li travolge: due morti e un ferito

  • Gravissimo incidente in autostrada: un morto e sei feriti, tratta chiusa tre ore

  • Tragedia nella notte: ucciso un uomo dopo un violento litigio

  • Caos in coda al concerto di Eros: 700 fan costretti a rimanere fuori

  • Accende il gas per preparare il caffé e la cucina esplode: ustionata una torinese

Torna su
TorinoToday è in caricamento