Getta parti di auto in un prato vicino all'ecocentro: carrozziere multato e denunciato

Grazie alle telecamere di videosorveglianza

Le parti di auto gettate nel prato

Una carrozzeria di Cirié è stata multata per 6mila euro dalla polizia locale di Cirié, denunciando anche il titolare per abbandono di rifiuti.

Tutto nasce da una segnalazione, a fine agosto, pervenuta al comando dei civich, coordinati dal commissario Roberto Macchioni, di una discarica abusiva nella zona di via Grande Torino, nelle vicinanze del campo sportivo e dell'ecocentro comunale. 

Dopo un controllo, gli agenti hanno rinvenuto decine di pezzi di paraurti e altre parti di auto, depositati in un prato molto vicino all'ecostazione. 

Di qui l'avvio di una indagine che, al momento non è ancora conclusa: se da una parte i civich sono riusciti a risalire all'autore, è ancora in corso la parte mirata a capire la provenienza di quei pezzi di ricambio. 

Principali protagoniste di questa vicenda sono le telecamere di videosorveglianza dell'ecocentro gestito dal Sia (Servizi intercomunali per l'ambiente), dato che hanno immortalato la persona che ha gettato quei rifiuti, ovvero un carrozziere della zona. Carrozziere che invece di chiamare una ditta specializzata per lo smaltimento dei rifiuti, ha pensato bene di sbarazzarsene in altro modo. Senza però fare i conti, come detto, con gli occhi elettronici dell'ecocentro comunale.

Ciriè discarica parti auto denuncia carrozziere 1 10 19 2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primo caso di Coronavirus a Torino: un quarantenne che è stato in contatto con i casi in Lombardia

  • Contagio Coronavirus, i casi a Torino adesso sono tre

  • Emergenza Coronavirus: chiuse due aziende e le scuole, montate tende da campo davanti agli ospedali

  • Tragedia nell'area servizio: automobilista si sente male e accosta, ma i soccorritori non riescono a salvarlo

  • Scontro fra tre veicoli, uno travolge un ciclista: muore sotto gli occhi della moglie

  • Lotto, centrate due quaterne nello stesso paese: valgono 240mila euro

Torna su
TorinoToday è in caricamento