Confermati i 75 daspo contro la frangia violenta dei tifosi del Toro

Anche per i tifosi di Napoli e Inter

Immagine di repertorio

Sono stati confermati, nella giornata di ieri, lunedì 16 dicembre 2019, i 75 daspo con obbligo di firma nei riguardi dei tifosi del Torino appartenenti al gruppo "Torino Hooligans".

I provvedimenti di divieto d'accesso alle manifestazioni sportive sono stati convalidatià dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Torino al termine dell’operazione “Last Spring” svolta dalla Digos di Torino. 

Operazione che aveva portato alla denuncia di 71 persone, con 500 sanzioni amministrative per violazioni del regolamento d’uso dell’impianto sportivo e la chiusura di tre bar abitualmente frequentati dal gruppo ultrà della formazione granata.

L'indagine della Digos aveva permesso di scoprire come gli ultras, in occasione delle sfide casalinghe allo stadio Olimpico-Grande Torino, avessero condotte violente, provocatorie e offensive contro le tifoserie ospiti, le forze dell’ordine e la stessa società presieduta dal patron Urbano Cairo. Nonché condotte prevaricatrici e intimidatorie nei riguardi dei tifosi "normali" della curva Primavera, ovvero non appartenenti a gruppi organizzati.

Confermati i daspo anche per una quarantina di ultras napoletani ed interisti per i fatti accaduti in occasione delle sfide Torino-Napoli e Torino-Inter di questa stagione sportiva 2019-2020.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primo caso di Coronavirus a Torino: un quarantenne che è stato in contatto con i casi in Lombardia

  • Contagio Coronavirus, i casi a Torino adesso sono tre

  • Emergenza Coronavirus a Torino e in Piemonte, scuole chiuse e tende da campo davanti agli ospedali

  • Precipita dal quarto piano mentre fa lavori in casa: morto dopo l'arrivo in ospedale

  • Moto trovata in un fosso a bordo strada: centauro morto nonostante i soccorsi

  • Perde il controllo dell'auto che invade la corsia opposta: scontro frontale, ragazzo grave in ospedale

Torna su
TorinoToday è in caricamento