Parroco e sindaco minacciati e insultati: scritte sui muri della chiesa e della fermata del bus

Indagano i carabinieri: ipotesi anarchica

Le scritte sui muri della chiesetta

Una serie di scritte, fatte con spray di colore rosso e nero, hanno rovinato i muri della chiesa di Claviere e la fermata della navetta che porta ad Oulx. 

Scritte tutte contro le figure di don Angelo Bettoni e del sindaco Franco Capra: "Assassini", "Fuoco alle frontiere", "Don Angelo vai all’inferno" e "La Chiesa è complice delle morti alla frontiera".

Il raid vandalico, avvenuto nella notte fra martedì 5 e mercoledì 6 novembre, è ora al vaglio dei carabinieri della compagnia di Susa, che da ore stanno controllando le immagini dei sistemi di videosorveglianza della zona: l'ipotesi più probabile è quella della pista anarchica.

Una situazione di tensione che dura da diverso tempo. Da settembre 2018. Da quando il parroco aveva deciso denunciare i migranti, dopo che avevano occupato i locali "Chez Jesus" della chiesa, dopo essere stati respinti nel marzo precedente alla frontiera. Locali che poi vennero sgomberati nel dicembre dell'anno scorso dai carabinieri. 

Montaruli (FdI): "Situazione in Alta Valle fuori controllo da tempo"

L'episodio è stato condannato dall'onorevole di Fratelli d'Italia, Augusta Montaruli: "Al sindaco, al parroco e ai cittadini di Claviere va tutta la mia solidarietà. Mi auguro che i colpevoli vengano individuati e condannati. La situazione dell'Alta Val di Susa è da tempo fuori controllo. Ogni giorno si registrano casi di immigrati che tentano di raggiungere illegalmente la Francia, molte volte respinti in maniera arbitraria dal governo Macron. L'attacco nei confronti del sindaco di Claviere, del parroco e dei cittadini è un attacco rivolto contro persone che hanno tentato di far rispettare la legalità, chiedendo risposte ad un'emergenza grave e fuori controllo. Mi auguro che da tutte le forze politiche possa arrivare una condanna ferma, e che al più presto si trovino soluzioni per risolvere la situazione". 

L'Uncem: "Claviere affronta criticità e sfide legate all'immigrazione"

Anche l'Uncem (Unione nazionale comunità ed enti montani), attraverso il suo presidente nazionale, Marco Bussone, e il suo presidente regionale, Lido Riba, condanna l'episodio di Claviere: "Ennesimo caso, grave, di minacce alle istituzioni civili e questa volta anche religiose. Uncem condanna le frasi scritte sui muri, probabilmente da anarchici, contro il sindaco Franco Capra e il parroco don Angelo Bettoni. Claviere è un Comune che ha vissuto e sta vivendo situazioni complesse legate al suo essere "territorio di confine". Affronta ogni giorno criticità e sfide legate a flussi di immigrazione ed emigrazione che nei mesi invernali si complicano viste le situazioni climatiche e orografiche del territorio". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Cadavere putrefatto e decapitato trovato in un campo, si era suicidato impiccandosi a un albero

  • Automobilisti attenti: a mezzanotte entrano in servizio i semafori anti-passaggio col rosso

  • Investita mentre attraversa la strada davanti a casa: è grave

Torna su
TorinoToday è in caricamento