Scatto d’ira al pronto soccorso: uomo prende a calci e pugni una porta

Voleva più esami di controllo per la figlia coinvolta in un incidente stradale

Immagine di repertorio

Momenti di tensione al San Lorenzo di Carmagnola domenica notte, intorno all'una. Un uomo ha aggredito verbalmente un medico e preso a calci e pugni la porta dell’ambulatorio perché voleva esami più approfonditi per la figlia che lamentava dolori sparsi e arrivava in ospedale dopo un incidente stradale.

A seguito dello scatto d’ira del genitore, avvenuto a visite ultimate e dopo un certo periodo d’attesa del proprio turno considerate le condizioni non gravi, sono dovuti intervenire i carabinieri chiamati dal personale presente.

I militari lo hanno calmato e hanno riportato la situazione alla normalità. I medici e altro personale non hanno subito aggressioni fisiche. L’Asl ha scelto, per il momento, di non denunciare l’uomo, ma si è limitata ad una segnalazione alle forze dell'ordine.  
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (8)

  • hanno rischiato, sempre se non ti hanno fatto domande specifiche oltre alla mobilità degli arti.

  • @bojack quando mi hanno caricato ero sdraiato sull'asfalto, mi hanno messo il collare, al ps hanno chiesto se muovevo gli arti, e poi trasferito sulla sedia.

  • assolutamente d'accordo con Riccardo. Io sono uscito alle 4 del mattino per una dermatite. e hanno chiamato l'ambulanza. rendiamoci conto. è voluta andare in ospedale. per forza che poi aspettate un ambulanza una vita o state nel pronto per 4/5 ore ad aspettare. @stanco stanco, quando ti hanno portato via, ti sei fatto trovare seduto? no perchè se ti sei alzato, mosso, seduto, ormai metterti sdraiato o spinalizzato non servirebbe più...

  • @Riccardo concordo pienamente

  • Era straniero,italiano o meridionals?

  • se non ci fossero troppi id, ioti che per un mal di testa o un raffredore corrono all ospedale, i medici avrebbero più tempo e meno stress a curare chi ha avuto un incidente

  • con tutto il rispetto per la professione sia infermieristica che medica, posso solo dire che il vantato "triage" è un semplice servizio di accettazione che non merita tanta lode. arrivato in ambulanza, incidente stradale con moto, accuso forti dolori alla schiena, che cosa fanno mi trasferiscono dalla lettiga sulla sedia rotelle, in caso di vertebre rotte, lascio a voi il responso, dopo tre ore di attesa mi fanno i raggi alla schiena, al bacino, per fortuna niente di rotto. forse in questi casi hanno peccato di presunzione pensando che non ci fosse nulla di rotto, ci hanno azzeccato!!! dimenticavo nelle tre ore di attesa nessuna visita medica.

  • sulla base di cosa presumi che non stiano facendo il loro lavoro? siete medici? no. se loro decretano una determinata cosa, c'è un motivo. imparate a stare nel vostro. se volete dire la vostra, studiate e diventate medici, sennò tacere.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Esplosione nel capannone: uomo ustionato in modo grave

  • Incidenti stradali

    Fuori strada con la bicicletta: atterrato elisoccorso, è grave in ospedale

  • Incidenti stradali

    Bimba nata dopo l'incidente: ore decisive, piccoli miglioramenti 

  • Cronaca

    La friggitrice prende fuoco, il fumo invade la pizzeria: paura clienti e personale

I più letti della settimana

  • Più 42 nuovi negozi e 600 addetti: Settimo Cielo è il parco commerciale più grande d’Italia

  • Investita da un’auto mentre attraversa la strada: donna morta

  • Investita all'ultimo mese di gravidanza: caccia al pirata della strada. Poi parto miracoloso in ospedale

  • Tragedia nell'azienda: morto un giovane ingegnere

  • Una città intera piange Mattia: aveva solamente sei anni

  • Brutto incidente in tangenziale: ragazza in ospedale, traffico paralizzato

Torna su
TorinoToday è in caricamento