Bruciato lo striscione realizzato dagli studenti in favore di Liliana Segre

Si cercano i colpevoli

Lo striscione bruciato a Moncalieri

"Il Majo è con Liliana Segre!". Era questo lo striscione che da qualche tempo era presente sulla ringhiera dell'istituto superiore "Ettore Majorana" di via Ada Negri, 14 a Moncalieri.

Era. Perché qualcuno, nella notte fra domenica 12 e lunedì 13 gennaio 2020, ha deciso di dargli fuoco. A trovarlo, lunedì mattina, sono stati alcuni studenti. 

"Sono disgustato e preoccupato. Si tratta di un atto vile totalmente estraneo al sentimento della nostra Comunità e mi auguro che i responsabili vengano individuati. Chi in questi mesi ha soffiato sul fuoco delle divisioni e chi ancora minimizza sul pericolo dell’antisemitismo si faccia un esame di coscienza. Moncalieri sta con i ragazzi del Majorana ed è vicina alla senatrice Liliana Segre", commenta il sindaco di Moncalieri, Paolo Montagna.

La direzione scolastica del Majorana ha già presentato denuncia ai carabinieri, che ora stanno indagando sull'accaduto: al momento, ogni ipotesi è al vaglio. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Moncalieri Majorana striscione Segre bruciato 12 13 1 20 1-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Bimba di sette anni morsa da una vipera mentre passeggia con i genitori: è grave

  • Piemonte riaperto da mercoledì in entrata e uscita, stop all'obbligo di mascherine all'aperto

  • Tragedia lungo la statale: scooter e moto si scontrano, morte due persone

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

  • Mascherine obbligatorie questo fine settimana anche all'aperto, ma solo nei centri abitati

Torna su
TorinoToday è in caricamento