Su Facebook denigrano gli agenti della polizia municipale: denunciati per diffamazione

Dopo la rimozione di un'auto

"Sapete solamente fare cassa".  Questo è uno dei tanti commenti apparsi quest'oggi su un gruppo social Facebook dedicato alla città di Borgaro in merito ad un post in cui si portava all'attenzione degli iscritti di alcune rimozioni di auto nella zona di via delle Magnolie.

I civich, questa mattina, martedì 4 settembre 2018, sono dovuti intervenire su richiesta della ditta incaricata del rifacimento della segnaletica stradale. 

Nonostante i cartelli di divieto di sosta con rimozione forzata regolarmente apposti dalla ditta incaricata, un'auto era ancora parcheggiata lì ad inizio dei lavori. Dagli accertamenti è emerso come il mezzo fosse stato rubato.

Di qui il sequestro e l'affidamento al custode giudiziario per la restituzione alla compagnia di assicurazione, in quanto aveva già provveduto a risarcire il reale proprietario.

Ma in tanti, non sapendo cosa stesse accadendo, hanno deciso di criticare e commentare l'azione dei civich, specie dopo aver visto l'intervento di un carro attrezzi. 

E così il comandante della municipale, Massimo Linarello, ha deciso di denunciare tutti coloro che hanno criticato e denigrato l'azione degli agenti. 

"Si profilano delle responsabilità anche nei confronti del gestore del gruppo locale del social network in quanto, rivestendo una posizione di garanzia di controllo per i post che vengono pubblicati, non ha impedito l’azione delittuosa. Il vero problema è che tutte queste persone non hanno svolto una benché minima attività informativa per cercare di capire quali fossero le ragioni dell’attività dei vigili. Se avessero chiesto agli agenti operanti oppure semplicemente se avessero telefonato al Comando, nei limiti della riservatezza dei dati personali, avrebbero avuto tutte le rassicurazioni del caso. Probabilmente se il sequestro lo avessero effettuato i Carabinieri avrebbero applaudito dai balconi, invece per la Polizia Locale la presunzione di colpevolezza è la regola generale. Auspico da parte di tutti una maggiore riflessione e pacatezza nelle esternazioni che verranno effettuate in futuro su tutti gli strumenti di comunicazione”, ha commentato il comandante della polizia locale, Massimo Linarello.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Ragazzo si getta sotto il treno in corsa: morto. Convoglio bloccato per quattro ore

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Banda di ladri senza pietà: uccidono a pietrate il cane che li aveva sorpresi

  • È in arrivo la neve a Torino: altre nevicate fino alla vigilia di Natale

  • In corto la presa dell'albero di Natale: appartamento distrutto da un incendio, salvati mamma e bimbi

Torna su
TorinoToday è in caricamento