Rapina a mano armata nel negozio di moto: titolare minacciato, malviventi fuggiti con il bottino

Portati via caschi e giacche del valore di alcune migliaia di euro

Il negozio preso di mira dai rapinatori (fotoservizio di Santo Zaccaria)

A Bollengo tre malviventi hanno assaltato il negozio "Motoinferno", specializzato nella vendita di moto, ricambi, abbigliamento e accessori, un attimo prima della chiusura.

Si sono presentati con il volto coperto nell'esercizio commerciale dove hanno trovato il solo titolare che è stato minacciato da uno dei tre che gli ha anche puntato contro una pistola. Mentre il titolare era immobilizzato, gli altri due complici hanno prelevato diverso materiale presente nel negozio che hanno depositato su un furgone bianco a bordo del quale sono fuggiti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il bottino della rapina andata a segno l'altra sera è di circa 10mila euro. Una volta rimasto solo il titolare ha chiamato il 112. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Azeglio e Ivrea che hanno effettuato subito delle ricerche in zona, ma del furgone non è emersa alcuna traccia. Sulla vicenda ora indagano i carabinieri della compagnia di Ivrea.
Bollengo azienda negozio Motoinferno-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uccide la madre a coltellate e poi si toglie la vita gettandosi dal nono piano

  • CAAF Cisl a Torino: sedi, orari, informazioni

  • CAAF Cgil a Torino: sedi, orari, informazioni

  • Il coronavirus si porta via il mago della scientifica a soli 60 anni: polizia in lutto

  • Investe una donna sulle strisce con lo scooter e cade: centauro morto in ospedale

  • Mezzi pubblici: quattro ore di sciopero in arrivo, disagi per gli utenti

Torna su
TorinoToday è in caricamento