L'errore informatico permette di viaggiare gratis sui mezzi pubblici, 4.500 i fortunati

Tessere con 8mila biglietti caricati

Il mese di luglio è stato quello che ha portato alla grande rivoluzione nel sistema dei biglietti Gtt per fruire di metropolitana, autobus e tram.

Una rivoluzione che poteva costare davvero cara ai vertici di via Turati, visto che per colpa di un "bug" (un errore informatico, ndr) 4.500 utenti Gtt si sono ritrovati caricati sopra alle nuove tessere Bip migliaia di biglietti.

In alcuni casi si è trattato di qualche centinaio. In 4.500 casi di ben 8mila. Fatto sta che ora il Gruppo Torinese Trasporti sta lavorando giorno e notte per rimediare al gravissimo errore, che per ora ha permesso a tanti cittadini di viaggiare gratis. 

Il danno per le casse aziendali poteva essere davvero ingente, visto che le corse erogate gratuitamente per errore sono pari a 61,2 milioni di euro potenzialmente persi.

In realtà, il danno sarebbe sì importante ma non a questi livelli, dato che il bug è in fase di riparazione e tante card sono già state riportate alla "normalità", come precisano da via Turati, annunciando il cambio di software.

Tra i primi ad accorgersene sono stati i controllori, che in più di un caso hanno visualizzato questo spropositato numero di corse sulle card. A tal punto da chiamare subito la sede e avvisare del problema.


 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Torino usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tifosa non passa inosservata, ripresa dalle telecamere allo Stadium: ora ha migliaia di followers

  • Scontro auto-ambulanza all'incrocio: sei persone rimaste ferite

  • Arriva l'inverno: prima neve in città e brusco calo delle temperature

  • Auto si scontra col cinghiale che attraversa la strada, poi si ribalta nel fosso: terrore per due ragazzi

  • Paura al campo di calcio: bambino di 8 anni si accascia al suolo mentre gioca la partita

  • Tenta di uccidere il figlioletto di un anno con le pastiglie nel biberon, poi si taglia le vene

Torna su
TorinoToday è in caricamento