Avvisano del verificarsi di furti in zona, ma sono loro i ladri: derubato un anziano

E' successo martedì 18 aprile al pomeriggio. I due si sono finti carabiniere e un dipendente "Covar", il servizio di raccolta rifiuti

Immagine di repertorio

Hanno suonato il campanello dell’abitazione di un 78enne di Beinasco presentandosi come un carabiniere e un dipendente “Covar”, il servizio di raccolta rifiuti nei Comuni del consorzio, gli hanno detto che in una casa vicina era da poco stato consumato un furto e sono entrati nella sua abitazione con la scusa di verificare eventuali ammanchi e poi hanno fatto il resto.

L’anziano derubato ha sporto denuncia mercoledì mattina ai carabinieri di Beinasco. Il giorno prima era in casa da solo e si è fidato dei due individui che ha introdotto nell’abitazione.

I due, carpita la fiducia dell’uomo, si sono fatti indicare il luogo dove custodiva il denaro e i preziosi dopodiché, approfittando di un attimo di distrazione del padrone di casa, si sono impossessati di alcuni monili in oro e della somma contante di  350euro.
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      A Torino si toccano i 33 gradi, ad aprile deficit di piogge del 47%

    • Cronaca

      Truffa dello specchietto, malviventi in azione davanti all'ospedale

    • Cronaca

      Precipita nei boschi con il deltaplano, ricerche in corso

    • Cronaca

      Traffico incubo degli automobilisti, buttiamo via quattro giorni in un solo anno

    I più letti della settimana

    • Schianto devastante all'incrocio, morto un pensionato

    • Finita l'emergenza in via Borgaro: i carabinieri entrano in casa del folle

    • Tragedia sfiorata a due passi dalla Gran Madre: crolla il tetto di una palazzina

    • Giovane accoltellato all'interno del bar, è molto grave

    • Il folle barricato non desiste: via Borgaro in scacco da mezza giornata

    • Corse pazze lungo lo stradone, arriva l'autovelox fisso all'ingresso di Fornaci

    Torna su
    TorinoToday è in caricamento