Avvisano del verificarsi di furti in zona, ma sono loro i ladri: derubato un anziano

E' successo martedì 18 aprile al pomeriggio. I due si sono finti carabiniere e un dipendente "Covar", il servizio di raccolta rifiuti

Immagine di repertorio

Hanno suonato il campanello dell’abitazione di un 78enne di Beinasco presentandosi come un carabiniere e un dipendente “Covar”, il servizio di raccolta rifiuti nei Comuni del consorzio, gli hanno detto che in una casa vicina era da poco stato consumato un furto e sono entrati nella sua abitazione con la scusa di verificare eventuali ammanchi e poi hanno fatto il resto.

L’anziano derubato ha sporto denuncia mercoledì mattina ai carabinieri di Beinasco. Il giorno prima era in casa da solo e si è fidato dei due individui che ha introdotto nell’abitazione.

I due, carpita la fiducia dell’uomo, si sono fatti indicare il luogo dove custodiva il denaro e i preziosi dopodiché, approfittando di un attimo di distrazione del padrone di casa, si sono impossessati di alcuni monili in oro e della somma contante di  350euro.
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Auto impazzita urta 9 vetture poi si cappotta: agenti a caccia del fuggitivo

  • Incidenti stradali

    La madre morì nello scontro frontale: lei rischia la condanna

  • Cronaca

    Palazzo dello spaccio con le vedette: droga anche nel vano antincendio

  • Cronaca

    Incendio in una casa, trovato morto un uomo

I più letti della settimana

  • Juventus-Tottenham streaming e tv: dove vedere la partita di Champions League in diretta

  • Addio piccola Bea, zia Sara: "Corri a riabbracciare la mamma"

  • Tutti piangono Raffaele, rimasto ucciso poco prima di diventare papà

  • La cucina è in pessime condizioni igienico-sanitarie: ristorante chiuso dai carabinieri

  • Dall'auto 'sparano' fiamme sui passanti: cinque persone bloccate

  • In arrivo un nuovo ristorante gourmet a marchio Lavazza: aperta la selezione del personale

Torna su
TorinoToday è in caricamento