Lo rimprovera per la bolletta non pagata e lui la aggredisce: arrestato marito violento

Situazione degenerata dopo pochi mesi dalle nozze

Immagine di repertorio

La loro relazione è sempre stata turbolenta e le liti avvenivano generalmente per problematiche economiche, ma la situazione è degenerata negli ultimi mesi, proprio dopo le nozze e dopo anni di convivenza e la nascita dei figli.

Il culmine è stato giovedì 6 giugno quando, a causa di bollette non pagate, è stata interrotta alla famiglia l’erogazione della fornitura del gas. A detta della donna, il marito non contribuiva nelle spese domestiche.

Proprio per questo motivo la donna ha rimproverato il marito che ha risposto con minacce e insulti fino a metterle le mani al collo e a spingerla contro il muro. La donna è riuscita a liberarsi dalla presa, è uscita sul terrazzo di casa e ha chiesto ai vicini di contattare la polizia.

Sul posto gli agenti della Squadra Volante hanno fermato l’uomo, un marocchino di 26 anni, che ha provato a nascondere le violenze, ma la signora, sentita separatamente, ha confidato tutto agli operatori. Il 26enne, con precedenti di Polizia, è stato arrestato per il reato di maltrattamenti in famiglia.

Potrebbe interessarti

  • Sagre, feste e prodotti tipici: 6 appuntamenti da non perdere a luglio

  • Sei bersagliato dalle punture di zanzara? Sette motivi per cui preferiscono proprio te

  • Come difendersi dai ladri d'appartamento in estate

  • Insalata di petti di pollo alla piemontese: una ricetta veloce, fresca e saporita

I più letti della settimana

  • Tragedia nella serata: donna si suicida gettandosi dal settimo piano

  • Paura in paese: auto esplode pochi secondi dopo essere stata parcheggiata

  • Tragedia nel condominio, uomo si toglie la vita gettandosi dal balcone  

  • Terribile scontro fra due veicoli: morto un papà, due feriti

  • Auto esce di strada e si schianta contro un albero, medico grave in ospedale

  • Detrito come un proiettile trapassa un'auto da parte a parte: conducente illeso per miracolo

Torna su
TorinoToday è in caricamento