Baby ladro (completamente ubriaco) cerca di rubare una macchina: denunciato dai carabinieri

Ha tentato la fuga a piedi

Immagine di repertorio

Ha cercato di rubare una macchina. Completamente ubriaco e con un altro dettaglio non indifferente: 15 anni d'età.

E' quanto successo lo scorso giovedì, 30 agosto 2018, a Borgaro. 

Il giovanissimo "topo d'auto", del vicino campo nomadi di strada dell'Aeroporto, attorno alle 18, si è avvicinato ad una Alfa Romeo 156, di proprietà di una donna di 57 anni, che in quegli stessi istanti stava caricando la spesa sulla macchina. 

Il nomade ha così iniziato a spintonare e poi minacciare la donna, con il chiaro intento di rubarle le chiavi della macchina e di scappare via con il mezzo, probabilmente per poi utilizzarlo per rapine o spaccate in zona.

Ma la donna non si è persa d'animo e ha iniziato a reagire e ad urlare, proprio per attirare l'attenzione di passanti e residenti. 

Il ladro, capito di essere in seria difficoltà, ha deciso di scappare via, facendo perdere le tracce. Ma qualcuno aveva già chiamato i carabinieri della compagnia di Venaria, che in pochi minuti erano in zona e, in altrettanto poco tempo, sono riusciti a braccarlo, non prima di un breve inseguimento a piedi tra alcuni palazzi della zona.

Pur avendo fornito false generalità ai militari dell'Arma, questi ultimi sono riusciti ad indentificarlo. Poi la denuncia al Tribunale dei Minori per il ladro con un curriculum già molto lungo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Cadavere putrefatto e decapitato trovato in un campo, si era suicidato impiccandosi a un albero

  • Automobilisti attenti: a mezzanotte entrano in servizio i semafori anti-passaggio col rosso

  • Investita mentre attraversa la strada davanti a casa: è grave

Torna su
TorinoToday è in caricamento