"Non devi stare al cellulare, devi ripartire". E gli spacca il naso. Autista Gtt in ospedale

Aggressore arrestato

Immagine di repertorio

Picchiato e colpito al naso - talmente forte da fratturarlo - da un passeggero perché, a detta di quest'ultimo, continuava a rimanere al telefono invece di ripartire dalla sosta al capolinea.

L'ennesima aggressione ai danni di un conducente di Gtt è avvenuta ieri sera, venerdì 2 novembre 2018, attorno alle 20, a bordo della linea tramviaria "16", in piazza Sabotino.

Un giovane 19enne, residente a Rivoli e già noto alle forze dell'ordine, è salito a bordo visibilmente ubriaco. Appena ha visto l'autista al telefono ha iniziato a innervosirsi, per poi insultarlo ed iniziare a battere i pugni e la testa contro la vetrata.

Poi la vicenda è raccontata dallo stesso conducente: "Quando ho visto la scena, ho chiuso la telefonata e mi sono alzato per capire cosa volesse. Quel ragazzo, visibilmente ubriaco, mi ha insultato e colpito con una testata e mi ha rotto il naso. Ho lottato con lui mentre alcuni passeggeri hanno cercato di liberarmi dalla furia di quell’uomo. Ci sono riusciti dopo qualche minuto. Dopo essermi liberato sono andato nella mia cabina di manovra e mi sono chiuso dentro".

Mentre alcuni passeggeri hanno composto il numero unico di emergenza "112", del giovane si eran perse le tracce, perché era riuscito a fuggire.

Ma i carabinieri del nucleo radiomobile sono riusciti a rintracciarlo mentre entrava in un bar, poco distante dal luogo dell'aggressione, arrestandolo per violenza e minaccia a pubblico ufficiale e lesioni. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (13)

  • Anna, incrementare la sorveglianza ? ma vai per le strade non vedi neanche una pattuglia di polizia o vigili , sono sempre ad acompagare i calciatori o tifosi allo stadio o quando c e' qualche manifestazione ecco dov e' la polizia

  • un cog...ne da mettere ai lavori più umili e piu pesanti, così alla sera non ha piu tempo per bere e fare danni.

  • Un idiota buono a nulla e violento da sbattere dentro. Visto che fare l'autista dei bus è diventato un mestiere molto pericoloso, sarebbe opportuno incrementare la sorveglianza a bordo dei mezzi e installare videocamere o radio direttamente collegate alla centrale GTT

  • Da arrestare tutta la famiglia ... nonni compresi !!!

  • Scusate ma questo ha 19 anni, quindi abiterà con i genitori, molto probabilmente non avrà manca finito le scuole. Ma io dico i genitori dove sono? io metterei in carcere anche loro se è così. O spero che i genitori lo abbiano sbattuto fuori di casa.

  • epoca finitissima

  • Quando capisci ke stai in pericolo, bisogna anticipare il soggetto cosa ke l'autista non ha fatto

  • Complimenti a chi è intervenuto x bloccare il *******o!!! Bastava una scarica multipla di pugni, e nn si sarebbe più ripreso!!! Cittadini cacasotto!

  • Mi chiedo come abbiano fatto a rintracciarlo. Che sfigato buono a nulla

  • Che schifo

  • Soggetto ignobile. Strano che non ci sono i commenti dei soliti noti.

  • pezzo di m@@@ da

  • 20 anni di carcere e lavori forzati possono bastare.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Omicidio all'ex Moi: trovato uomo con il cranio fracassato

  • Cronaca

    Spari in piazza: rapinato un furgone portavalori, ferita una guardia giurata

  • Cronaca

    La droga entra ed esce dal bar: nuovo provvedimento di chiusura, stavolta per un mese

  • Cronaca

    "Ho ucciso mio figlio con un cavo", ma per l'autopsia è morto per arresto cardiaco

I più letti della settimana

  • Follia in centro città: ferito un uomo con tre colpi d'accetta, aggressore in fuga

  • Spari in piazza: rapinato un furgone portavalori, ferita una guardia giurata

  • Nuvole su Torino, è attesa la neve

  • "Costretta ad assistere ai rapporti sessuali della mamma": donna e suo amante a processo

  • Colta da un malore in casa, mamma muore tre ore dopo: indagati sanitari dell'ambulanza e medico del pronto soccorso

  • Soffoca il figlio con un cavetto del computer poi chiama i carabinieri: “Venite a prendermi”

Torna su
TorinoToday è in caricamento