Selfie al mercato con uno spinello in bocca: i civich lo fermano e lui li aggredisce

Giovane arrestato

Immagine di repertorio

"Mi posso fumare gli spinelli senza passare guai". Gridava così, un 23enne di Moncalieri, lo scorso venerdì 18 ottobre 2019, al mercato di Moncalieri, mentre si faceva dei selfie con in bocca uno spinello di marijuana, sapendo che dietro di lui c'erano gli agenti della polizia municipale.

Ma gli agenti della polizia locale, al mercato per preservare la sicurezza degli utenti, lo ha visto e subito fermato, portandolo in comando per gli accertamenti di rito.

E una volta negli uffici dei civich, il giovane ha iniziato ad insultare tutti gli agenti, prima di mettere le mani addosso a tre di loro, venendo così arrestato per resistenza a pubblico ufficiale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli agenti sono poi stati portati in ospedale, con prognosi di pochi giorni. Ma il suo atteggiamento poco consono lo ha ripetuto a Torino anche davanti al giudice in occasione della direttissima, che gli è costato - per ora - l'obbligo di firma. Ma i guai potrebbero non essere finiti qui: lo aspetta un processo e una, quasi certa, condanna. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Tragedia nel bosco: ragazzina di 16 anni trovata impiccata a un albero

  • Bimba di sette anni morsa da una vipera mentre passeggia con i genitori: è grave

  • "L'abbraccio tricolore" delle Frecce, lo spettacolo nel cielo di Torino: foto e video

  • Uccide una donna a colpi di pistola nel piazzale del supermercato, poi si costituisce

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

Torna su
TorinoToday è in caricamento