Scippa una donna, ruba in un negozio e picchia il titolare: condannato, ma subito libero

Formalmente incensurato

Immagine di repertorio

E' entrato per fare degli acquisti, in un negozio gestito da cinesi, in via Pastrengo a Moncalieri. Fin qui nulla di male. Peccato, però, che volesse uscire con la merce, senza però pagare. 

E così, quando il titolare ha visto quel giovane ghanese di 27 anni, arraffare la merce e dirigersi verso l'uscita senza passare dalle casse, ha deciso di seguirlo, rincorrerlo e fermarlo. Il tutto non prima di una colluttazione.

Una scena vista da altri passanti, che hanno chiamato i carabinieri. L'esercente è dovuto ricorrere alle cure mediche ospedaliere: se l'è cavata con una prognosi di sette giorni. 

Per il ladro - irregolare in Italia ed ex residente del Moi a Torino - sono scattate le manette per tentato furto. Ma per lui i guai non sono finiti qui. Perchè le indagini hanno permesso di chiarire come il 27enne fosse l'autore di uno scippo ai danni di una signora, che era stata derubata del telefono cellulare.

Eppure, nonostante il doppio reato, il giudice lo ha sì condannato a un anno e otto mesi di reclusione, ma essendo formalmente incensurato, è stato subito rilasciato.  

Potrebbe interessarti

  • Sagre, feste e prodotti tipici: 6 appuntamenti da non perdere a luglio

  • Sei bersagliato dalle punture di zanzara? Sette motivi per cui preferiscono proprio te

  • Insalata di petti di pollo alla piemontese: una ricetta veloce, fresca e saporita

  • "Quando la bicicletta non sta sul balcone"

I più letti della settimana

  • Tragedia nella serata: donna si suicida gettandosi dal settimo piano

  • Paura in paese: auto esplode pochi secondi dopo essere stata parcheggiata

  • Terribile scontro fra due veicoli: morto un papà, due feriti

  • Tragedia nel condominio, uomo si toglie la vita gettandosi dal balcone  

  • Auto esce di strada e si schianta contro un albero, medico grave in ospedale

  • Detrito come un proiettile trapassa un'auto da parte a parte: conducente illeso per miracolo

Torna su
TorinoToday è in caricamento