Finge di avere un permesso di lavoro: evaso finisce in manette

Dopo un litigio con un amico

Immagine di repertorio

Finge di avere un permesso di lavoro per evitare l'arresto per evasione. E' successo nella giornata di sabato, 14 aprile, in via Cigna.

Nei guai è finito un uomo di 31 anni, di nazionalità marocchina, ai domiciliari perché doveva scontare una pena di 4 mesi e mezzo di reclusione.

Gli agenti della Squadra Volante erano arrivati sul posto dopo diverse telefonate che segnalavano una lite in strada. Dopo aver controllato i due litiganti, è emerso come il 31enne avesse un permesso per assentarsi di due ore, dalle 10 alle 12. Ma restando nel suo comune di residenza, nell'hinterland torinese.

Per evitare guai peggiori con gli agenti, ha detto di essere in possesso di un permesso lavorativo. Tutto vano, perché inesistente. E così è scattato l'arresto per evasione.

Nei guai è finito anche l'altro litigante, un 33enne di nazionalità marocchina, con precedenti di polizia: a suo carico pendeva un avviso orale. Per questo motivo è stato denunciato per l’ inosservanza di questa prescrizione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Sciopero di 24 ore del trasporto pubblico locale: a rischio i mezzi GTT

  • Banda di ladri senza pietà: uccidono a pietrate il cane che li aveva sorpresi

  • Ogni giorno portava la sua fidanzata lungo la provinciale per farla prostituire: arrestato

Torna su
TorinoToday è in caricamento