In mano gli ovuli di crack, nel marsupio pistola e proiettili: arrestato dalla polizia

Potrebbe aver aggredito un connazionale

Lo hanno fermato in via Giachino, nella serata di martedì 18 febbraio 2020. Per gli agenti del commissariato Madonna di Campagna il suo comportamento era piuttosto sospetto.

Perché il 36enne di nazionalità marocchina, infatti, alla vista degli agenti ha tentato di darsi alla fuga, gettando a terra una pallina di crack.

Una volta fermato, gli agenti hanno trovato nel suo marsupio, nascosto sotto gli abiti, una pistola calibro 22. Carica.

Dopo averlo disarmato, durante la perquisizione hanno trovato addosso altri tre proiettili dello stesso calibro: dai successivi accertamenti, l'arma era stata rubata in precedenza da un'abitazione. Il 36enne è stato così arrestato per "porto illegale di arma comune da sparo" e denunciato per "ricettazione" e "resistenza a pubblico ufficiale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per gli inquirenti, l'uomo potrebbe essere colui che ha aggredito un connazionale di 20 anni, il 24 gennaio scorso, sempre in via Giachino per una discussione legata al consumo di droga. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Ambulante positivo al coronavirus va al mercato a vendere frutta e verdura: denunciato

  • Tragedia nel bosco: ragazzina di 16 anni trovata impiccata a un albero

  • "L'abbraccio tricolore" delle Frecce, lo spettacolo nel cielo di Torino: foto e video

  • Bimba di sette anni morsa da una vipera mentre passeggia con i genitori: è grave

  • Uccide una donna a colpi di pistola nel piazzale del supermercato, poi si costituisce

Torna su
TorinoToday è in caricamento