Fotoreporter arrestato in Serbia: l'accusa è di rapina aggravata

Una storia con molti lati oscuri

Il fotoreporter Mauro Donato

Il fotoreporter torinese Mauro Donato, 41 anni, è stato arrestato dalla polizia serba per rapina aggravata. I fatti sarebbero accaduti lo scorso venerdì, 16 marzo 2018, a Šid.

Secondo quanto si è appreso, Donato - originario di Lanzo e già collaboratore per l'Ansa e per alcuni giornali locali canavesani - si trovava in quelle terre assieme al collega Andrea Vignali e, nelle sue intenzioni, c’era quella di filmare il passaggio dei profughi lungo la “Balkan route”  verso l’Europa.

Per la polizia, Donato avrebbe aggredito tre profughi afgani in un capannone abbandonato per rubare 300 dinari, l’equivalente di 3 euro scarsi, ferendo due persone con sei coltellate all’addome. E ora rischia una condanna a 15 anni di carcere.

La prossima udienza è prevista per venerdì 23 marzo 2018. Fino a quella data, Donato rimarrà in carcere.

Nel frattempo continua il lavoro dell’Unità di crisi della Farnesina e dell’Ambasciata italiana a Belgrado per permettere la liberazione del fotoreporter.

Potrebbe interessarti

  • Bevute eccessive: gli effetti immediati, il post-sbornia, i rimedi

  • Pancia gonfia, cause e rimedi per combatterla

  • I pericoli in mare e in piscina: l’acqua alta e la congestione

  • Peperoncino: tutti i rimedi al bruciore

I più letti della settimana

  • Ragazza arriva in ospedale per un trapianto di cuore, ma i medici salvano il suo

  • Tragedia nel condominio: donna si suicida gettandosi dal settimo piano

  • Scontro frontale tra moto e auto: due centauri sbalzati via per diversi metri, sono gravi

  • Marito uccide la moglie con una lima da modellismo, dopo qualche ora si costituisce

  • Rimane appesa alla ringhiera del balcone poi cade nel vuoto: ragazza in gravi condizioni

  • Viene travolta da un'auto mentre attraversa la strada: è grave in ospedale

Torna su
TorinoToday è in caricamento