Insegnante uccisa e gettata in una cisterna: confermati 30 anni per Gabriele Defilippi

Sentenza d'appello

Gabriele Defilippi

La Corte d'assise d'appello di Torino ha confermato la condanna a 30 anni inflitta in primo grado per Gabriele Defilippi, 23enne reo confesso dell'omicidio della sua ex insegnante Gloria Rosboch, strangolata a Castellamonte il 13 gennaio 2016 e poi gettata in una cisterna a Rivara, dove il suo corpo fu trovato un mese dopo.

I giudici, nella sentenza pronunciata oggi, venerdì 14 dicembre 2018, hanno così accolto le richieste della pg Sabrina Noce.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lievissima riduzione di pena, di soli tre mesi, per Roberto Obert, 56enne amante e complice di Defilippi nel delitto, che dovrà comunque scontare 19 anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Insetti in casa: la scutigera, l'insetto (utilissimo) che mangia gli altri insetti

  • Tempesta sul Torinese: zone allagate, paesaggi imbiancati e numerosi disagi

  • Piemonte riaperto da mercoledì in entrata e uscita, stop all'obbligo di mascherine all'aperto

  • Tragedia lungo la statale: scooter e moto si scontrano, morte due persone

  • Tragedia nel palazzo: morto dopo essere caduto nel vano ascensore

Torna su
TorinoToday è in caricamento