Venditori abusivi di frutta e verdura con il "vizietto" della truffa: in due finiscono nei guai

La merce donata dai carabinieri alla Caritas

La merce donata alla Caritas

Si posizionavano con il loro furgone, di colore bianco, nella zona del cimitero di Caselle, in via San Vittore, o nella zona del Prato Fiera, a ridosso del centro cittadino.

Poi, senza alcun permesso per la vendita, mettevano in bella vista le cassette piene di frutta e verdura ed attendevano gli anziani per proporre loro "l'affare".

Ovvero pere, arance, mandarini o peperoni a prezzi piuttosto scontati come "specchietto per le allodole", visto che puntavano, spesso e volentieri, ai loro portafogli o, in alcuni casi, a cedere più cassette: la prima con frutta e verdura in ottimo stato di conservazione. Le altre, nascoste, con merce deteriorata.

A scoprirlo sono stati i carabinieri di Caselle alcuni giorni fa. I militari li hanno fermati dopo una serie di segnalazioni. Al momento dei controlli, i due ambulanti abusivi - un 60enne e un 45enne, entrambi di Afragola, in provincia di Napoli - sono stati trovati sprovvisti delle autorizzazioni per la vendita itinerante ma con 1.500 euro in contanti di dubbia provenienza. 

Di qui la multa pari a 5.064 euro a testa, il sequestro ai fini della confisca del furgone e il sequestro della merce.

Merce che questa mattina, martedì 18 dicembre 2018, è stata consegnata dai carabinieri - alla presenza del comandante di stazione, il maresciallo maggiore Fabio Fornaiolo, e del sindaco Luca Baracco - ai responsabili della Caritas di Caselle.  

Le 86 casse di frutta e verdura - che avrebbero fruttato un migliaio abbondante di euro - ora verranno distribuite alle famiglie meno abbienti di Caselle nei giorni antecedenti il Natale e il Capodanno. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • La corsa al mare dei turisti torinesi finisce col litigio con i vicini, poi sono costretti a tornare a casa

  • Scontro tra moto e auto all'incrocio: militare dell'esercito morto sul colpo

  • Allarme all'ora di pranzo: auto dei carabinieri finisce contro un negozio

  • Coronavirus: il Piemonte in controtendenza con l'Italia, i contagi scendono ma di poco

  • Trovato il cadavere Vincenzo (per tutti Franco) in riva al fiume: probabile suicidio

Torna su
TorinoToday è in caricamento