Organizza lotteria “Fai da te” con premi fino a 500 euro in generi alimentari di pregio: denunciato

Il commerciante era privo di autorizzazioni

Immagine di repertorio

Aveva organizzato una sorta di gioco del lotto “fai da te”, mettendo in palio generi alimentari di pregio per un valore al dettaglio sino a 500 euro, peccato però che il tutto si svolgesse senza alcuna autorizzazione.

Per questo motivo la Guardia di Finanza di Susa ha denunciato il titolare di un locale di Alpignano per aver messo in piedi una “riffa” clandestina, una lotteria associata alla consueta estrazione del lotto settimanale, che però necessita di tutta una serie di autorizzazioni. 

Il titolare dell’esercizio commerciale incassava sino a 10 euro per ogni singola giocata. I Finanzieri, che hanno operato in collaborazione con la Polizia Locale di Alpignano, hanno denunciato il titolare dell'esercizio commerciale alla Procura della Repubblica. Rischia sanzioni sino a 12.000 euro.

II controlli della Guardia di Finanza di Torino a contrasto dei fenomeni di illegalità e abusivismo nel settore dei giochi e delle scommesse, sono finalizzati non solo a garantire il giusto prelievo fiscale sulle giocate ma, soprattutto, a evitare il diffondersi del fenomeno della ludopatia.
 

Potrebbe interessarti

  • Insalata di petti di pollo alla piemontese: una ricetta veloce, fresca e saporita

  • Il Barbecue perfetto:  6 regole fondamentali

  • Bagnet verd, la tipica salsa piemontese: assaggiatela coi tumin

  • Come combattere la piaga dei punti neri

I più letti della settimana

  • Autocisterna travolge bici, ragazza resta schiacciata sotto le ruote: morta

  • Scendono a cambiare la gomma a terra, passa un'auto e li travolge: due morti e un ferito

  • Gravissimo incidente in autostrada: un morto e sei feriti, tratta chiusa tre ore

  • Tragedia nella notte: ucciso un uomo dopo un violento litigio

  • Caos in coda al concerto di Eros: 700 fan costretti a rimanere fuori

  • Accende il gas per preparare il caffé e la cucina esplode: ustionata una torinese

Torna su
TorinoToday è in caricamento