Prende a calci e pugni medico, infermieri e un cittadino al pronto soccorso

In stato di ebbrezza

L'ospedale Maggiore di Chieri

Ha aggredito a suon di calci e pugni un medico, due infermieri e un cittadino che ha cercato di dividerli.

E' successo nella notte tra venerdì 3 e sabato 4 agosto 2018 al pronto soccorso dell’ospedale Maggiore di Chieri di via Angelo Mosso.

Protagonista un romeno senza fissa dimora, in forte stato di ebbrezza alcolica. 

Ad avere la peggio è stato il cittadino, residente a Chieri, che si è frapposto tra l'uomo e il personale medico: per lui un trauma facciale, un trauma cranico e una leggera emorragia cerebrale. Non è comunque in pericolo di vita.

Medico e infermieri hanno invece riportato contusioni varie.

Sul posto sono prontamente intervenuti i carabinieri di Chieri, che hanno fermato e portato in caserma l'uomo.

“Ancora una volta, in pochi giorni, dobbiamo assistere a un’aggressione a operatori della nostra Asl – ha commentato Massimo Uberti, direttore generale dell’Asl TO5 -. Questi fatti ci amareggiano molto anche se sono convinto che i nostri operatori sapranno reagire positivamente a quanto accaduto. L’azienda è vicina ai propri operatori e cercherà di mettere in atto sistemi di tutela per il personale e tutti i pazienti che, correttamente e collaborativamente, si recano presso le strutture sanitarie per ottenere cure sanitarie”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Ragazzo si getta sotto il treno in corsa: morto. Convoglio bloccato per quattro ore

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Banda di ladri senza pietà: uccidono a pietrate il cane che li aveva sorpresi

  • È in arrivo la neve a Torino: altre nevicate fino alla vigilia di Natale

  • In corto la presa dell'albero di Natale: appartamento distrutto da un incendio, salvati mamma e bimbi

Torna su
TorinoToday è in caricamento