Superlavoro della Polfer nel 2016, è boom di fermi nelle stazioni ferroviarie

Quasi mille persone sono state bloccate per accertamenti a fronte di quasi 100mila controlli: +72% rispetto al 2015. Crescono anche gli arresti

L'auto elettrica della Polfer alla stazione di Porta Susa

Boom di fermi nelle stazioni ferroviarie del Piemonte e della Valle d'Aosta nel 2016. Le persone portate nelle questure o negli uffici della polizia ferroviaria a seguito di controlli sono state addirittura 972, ossia quasi 400 in più (incremento del 72%) rispetto al 2015. I controlli hanno permesso anche di sequestrare 46 armi, di cui 32 da taglio. Gli arresti sono stati 69 contro i 56 dell'anno precedente, le denunce 1.019 contro 978.

Il tutto a fronte di un aumento del 4,3% dei controlli: si parla di 96.956 persone di cui 32.977 straniere. Ci sono stati oltre 13mila servizi di vigilanza nelle stazioni con pattuglie in uniforme a piedi o su mezzo elettrico.

L'aumento del 7,8% delle multe per illeciti commessi in ambito ferroviario, in particolare per l'attraversamento indebito dei binari, è tra i dati più significativi: in un anno si è passati dal 460 a 496 sanzioni, dato che tiene conto anche dell'occupazione abusiva di carrozze per dormire.

Stabile, invece, il dato riguardante i delitti verificatisi in ambito ferroviario (1.114 del 2016 rispetto ai 1.112 del 2015).

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Torino usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tenta di uccidere il figlioletto di un anno con le pastiglie nel biberon, poi si taglia le vene

  • Tempo libero e svago, cosa fare a Torino e dintorni sabato 16 e domenica 17 novembre

  • Trasporto pubblico locale, in arrivo un giornata di sciopero: possibili disagi

  • Autostrada, installati due box per gli autovelox: dove sono

  • Offerte di lavoro e stage alla Magneti Marelli: le posizioni aperte 

  • Le "soffia" il parcheggio e lui scende dall'auto, la insulta e le stringe il collo

Torna su
TorinoToday è in caricamento