I valdesi di Torino pronti ad accogliere i migranti di Open Arms

Hanno scritto una lettere a Conte, Salvini e al Parlamento Europeo

La chiesa valdese di Torino è a disposizione dei migranti della Open Arms. I disperati, 107 in tutto, che da giorni si trovano sulla Ong spagnola al largo di Lampedusa potrebbero essere accolti dai valdesi in Piemonte, che hanno confermato la loro disponibilità ad ospitarli, così com'era già successo in altre occasioni. A gennaio ad esempio la comunità aveva aperto le porte a una parte dei migranti a bordo della Sea Watch.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il pastore Luca Maria Negro, presidente della Federazione delle chiese evangeliche in Italia (Fcei), e il pastore Eugenio Bernardini, moderatore della Tavola valdese, all'inizio di agosto, hanno scritto una lettere al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, inviata per conoscenza anche al ministro dell'Interno Matteo Salvini, per ribadire la loro disponibilità ad accogliere i profughi. Non avendo ricevuto risposta si sono rivolti anche al presidente del Parlamento Europeo David Sassoli, sottolineando la necessità di arrivare al più presto a un accordo.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Ambulante positivo al coronavirus va al mercato a vendere frutta e verdura: denunciato

  • Tragedia nel bosco: ragazzina di 16 anni trovata impiccata a un albero

  • "L'abbraccio tricolore" delle Frecce, lo spettacolo nel cielo di Torino: foto e video

  • Uccide una donna a colpi di pistola nel piazzale del supermercato, poi si costituisce

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

Torna su
TorinoToday è in caricamento