“Uagliò”: la pizza a portafoglio napoletana arriva a Torino passando da Parigi

L’iniziativa di una giovanissima cuoca italo-francese

Martedì 10 dicembre apre a Torino “Uagliò”, un locale dedicato a un prodotto tipico della gastronomia napoletana, la pizza a portafoglio. E a dar vita a “Uagliò” c’è Carla Ferrari, giovanissima cuoca italo-francese.

La storia d’amore quella tra Carla Ferrari e la pizza a portafoglio nasce qualche anno fa con l’incontro del napoletanissimo compagno e approda a Torino con un concept ristorativo semplice ma raffinato, un vero “food club partenopeo della pizza a portafoglio”. Carla, nata nel 1996 e vissuta alle porte di Parigi, ha quindi rinnegato ostriche e foie gras, dopo diverse esperienze in ristoranti stellati d’oltralpe, si è rimboccata le maniche e ha imparato a fare la pizza a portafoglio, all’inizio per conquistare il suo compagno, e poi ha maturato l’idea di aprire un posto tutto suo in cui prendersi cura di una tradizione tanto sacra come quella della pizza. Uagliò apre dunque in via Berthollet 20, nel cuore di San Salvario, un quartiere multietnico perfetto per accogliere una cuoca francese che parla napoletano.

“Con Uagliò voglio celebrare la napoletanità, le mie pizze a portafoglio hanno ingredienti scelti con cura da piccoli produttori attenti alla qualità, il mio impasto lievita 16 ore e le farine che uso provengono da molini italiani. Non mi piace parlare di gourmet, preferisco parlare di autenticità della materia prima e di attenzione all’impatto ambientale che passa anche dalla riduzione degli imballaggi in plastica e dallo zero waste” ha raccontato Carla Ferrari, ideatrice e cuoca di Uagliò.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel menù, oltre alla pizza a portafoglio, ci saranno anche sfiziosità partenopee come frittatine, crocché e dolci. Il locale ha 15 posti a sedere (gran parte al bancone, dove si può osservare la lavorazione della pizza) ma è principalmente pensato per l’asporto e per una degustazione veloce, sullo stile dei baracchini ambulanti napoletani dove lo street food è nato prima ancora che Colombo scoprisse l’America. La pizza a portafoglio, infatti, è l’emblema del cibo di strada dei napoletani, che amano passeggiare gustando questa pizza piegata appunto a portafogli in modo da essere facilmente trasportabile e consumabile. E ora si attende il responso dei torinesi su questa nuova specialità arrivata sotto la Mole.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uccide la madre a coltellate e poi si toglie la vita gettandosi dal nono piano

  • CAAF Cisl a Torino: sedi, orari, informazioni

  • CAAF Cgil a Torino: sedi, orari, informazioni

  • Il piccolo Riccardo non ce l'ha fatta: è morto 36 giorni dopo il terribile incidente in casa

  • Investe una donna sulle strisce con lo scooter e cade: centauro morto in ospedale

  • Il coronavirus si porta via il mago della scientifica a soli 60 anni: polizia in lutto

Torna su
TorinoToday è in caricamento