Al via la rivoluzione dei trasporti: 44 fermate in meno e tram più veloci

Entro la fine dell'estate

A Torino, sulla linea tranviaria, verranno soppresse entro la fine dell'estate, 44 fermate delle 453 esistenti e funzionanti sul territorio urbano. È questo uno dei punti cardine, della rivoluzione dei trasporti che partirà da settembre, che sta sollevando non poche polemiche. Prenderà il via dunque una revisione delle fermate: l'obiettivo è quello di ridurre i tempi di attesa alle fermate e le linee tranviarie coinvolte in questo cambiamento sono la 3, 4, 9, 10, 13, 15 e la 16.

"Nessun taglio al servizio - ha dichiarato l'assessora ai Trasporti Maria Lapietra - , piuttosto un aumento dei chilometri percorsi, inizialmente oltre 190mila in più su un totale di 5 milioni, che consentirà anche un incremento delle frequenze e della velocità per rendere il trasporto pubblico competitivo rispetto all'auto".

Il piano prevede di migliorare la velocità commerciale del trasporto pubblico attraverso una serie di interventi quali il potenziamento della priorità semaforica - il sistema che garantisce il verde negli incroci al mezzo pubblico riducendo i tempi di percorrenza -, la creazione di corsie riservate e la soppressione di alcune fermate.

Meno attesa alle fermate

“La riforma - ha spiegato l’assessora - interesserà dapprima i tram consentirà un aumento delle frequenze di passaggio delle vetture lungo 7 linee individuate dal Comune e da GTT come le cosiddette linee di forza, ovvero quelle che comporranno l’ossatura della futura rete”.

A parità di risorse impiegate è stimato un aumento potenziale della produzione di km pari a 190mila l’anno e dei posti km/anno offerti nella misura di 30 milioni e 470mila equivalenti a un aumento di 4 motrici tramviarie impiegate in un’ora di punta e a 8 agenti di guida nel giorno tipo feriale scolastico.

“Circa le fermate che verranno soppresse - ha concluso Lapietra - saranno una quarantina e per la loro eliminazione verranno tenuti in considerazione una pluralità di criteri quali lo stato della struttura e la sua accessibilità alle persone disabili, la vicinanza o meno a poli attrattori e di interscambio, il numero di validazioni giornaliere e, naturalmente, la distanza”.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Torino usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mini in corsia d'emergenza esplode dopo essere urtata da un'altra auto: morti padre e figlia

  • Terribile schianto nel sottopasso, ma è la scena della fiction con Raoul Bova

  • Frontale fra due automobili: un uomo è morto, cinque persone ferite

  • Maxi-tamponamento in tangenziale: coinvolti cinque veicoli, traffico paralizzato

  • Scontro auto-ambulanza: una persona è morta

  • Scossa serale di terremoto: avvertita dalla popolazione, ma nessun danno

Torna su
TorinoToday è in caricamento