Foodora, la Cassazione dà ragione ai riders: "Vanno trattati come dipendenti"

Respinto il ricorso dell'azienda

Arriva la conferma dalla Cassazione: i riders hanno vinto. Respingendo il ricorso avanzato da Foodinho, nel contenzioso tra Foodora e i 5 ciclofattorini torinesi, è stato stabilito che ai riders delle consegne a domicilio vanno applicate le tutele del lavoro subordinato, come previsto dal Jobs Act, nella forma 'ibrida' delle "collaborazioni organizzate dal committente". 

Viene confermata così la sentenza della Corte d'appello di Torino che aveva riconosciuto ai ciclofattorini parità economica rispetto ai lavoratori subordinati del settore della logistica, con tredicesima, ferie e malattie pagate.

"Dal primo gennaio 2016 - spiega la sezione Lavoro della Cassazione (sentenza n. 1663) - si applica la disciplina del rapporto di lavoro subordinato tutte le volte in cui la prestazione del collaboratore abbia carattere esclusivamente personale e sia svolta in maniera continuativa nel tempo e le modalità di esecuzione della prestazione, anche in relazione ai tempi e al luogo di lavoro, siamo organizzate dal committente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primo caso di Coronavirus a Torino: un quarantenne che è stato in contatto con i casi in Lombardia

  • Contagio Coronavirus, i casi a Torino adesso sono tre

  • Emergenza Coronavirus: chiuse due aziende e le scuole, montate tende da campo davanti agli ospedali

  • Tragedia nell'area servizio: automobilista si sente male e accosta, ma i soccorritori non riescono a salvarlo

  • Lotto, centrate due quaterne nello stesso paese: valgono 240mila euro

  • Scontro fra tre veicoli, uno travolge un ciclista: muore sotto gli occhi della moglie

Torna su
TorinoToday è in caricamento