Playaya, nasce a Torino l'app per condividere l'ombrellone

Low cost e last minute

Mai più senza ombrellone in spiaggia. Due giovani torinesi, Stefano Gremo e Giulia Schillaci hanno lanciato, dopo un anno di lavoro, una nuova app: si chiama Playaya e consente, con un semplice click, di affittare, anche last minute, un ombrellone scontatissimo in uno stabilimento attrezzato, per una giornata o solamente per qualche ora. Non si tratta di una piattaforma di booking ma di condivisione, in perfetto stile sharing economy. Gli stabilimenti che lo desiderano aderiscono gratuitamente al programma Playaya, mantenendo il completo controllo sulla spiaggia ma consentendo ai propri ospiti di mettere in sharing gli ombrelloni. 

Condivisione 

Quello che fa l'app è mettere in contatto chi possiede un abbonamento in uno stabilimento balneare e sa di non utilizzarlo a pieno con chi lo sta cercando. Chi affitta l’ombrellone in una spiaggia Playaya può iscriversi gratuitamente alla piattaforma e mettere in rete le giornate, o le ore che vuole condividere. Il software Playaya calcola e suggerisce il prezzo di vendita del servizio - con uno sconto che va dal 30% al 50% sul prezzo di listino della spiaggia) - e a quel punto chi è alla ricerca di un ombrellone non deve far altro che collegarsi ed effettuare il match. Sarà possibile effettuare le transazioni tramite PayPal o carta di credito e ogni martedì Playaya rimborserà chi ha messo in sharing il proprio ombrellone nella settimana precedente. Con un vantaggio economico anche per i gestori dello stabilimento.

Dalla Liguria al resto d'Italia 

“L’idea – racconta Giulia – ci è venuta l’anno scorso in Sicilia dove mia cugina, che aveva un bimbo piccolo, ci ha prestato l’ombrellone che aveva affittato in uno stabilimento attrezzato poiché non lo utilizzava nelle ore più calde, dalle 12 alle 16. Come mia cugina tantissime famiglie scelgono la comodità di una spiaggia attrezzata ma non la utilizzano tutto il giorno, o tutti i giorni, lasciando vuoto l’ombrellone. Playaya sfrutta lo strumento della condivisione e consente, a chi lo desidera, di recuperare in parte i costi del proprio abbonamento in spiaggia offrendolo in sharing”.

Ogni giorno Playaya acquisisce spiagge nuove in tutta Italia ma i due ideatori sono partiti dalle spiagge più vicine a noi: “Abbiamo iniziato – spiega Stefano – dalla Liguria, dove moltissimi stabilimenti hanno aderito con entusiasmo alla nostra idea. Loano, Spotorno, Ceriale, Diano Marina, Bordighera, Alassio..." 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Da domani la strada sarà piena di veleno per i vostri cani" e i residenti insorgono sul web

  • Doppia scossa di terremoto a mezz'ora l'una dall'altra: avvertite dalla popolazione

  • Scontro violento fra auto: i vigili del fuoco estraggono due ragazze dalle lamiere

  • Velocità rilevata con autovelox e telelaser: le vie interessate dai possibili controlli

  • Emergenza smog, tornano le limitazioni strutturali dopo la giornata di sciopero

  • Imprigionato nei meccanismi di una mietitrebbia: tragica morte di un agronomo

Torna su
TorinoToday è in caricamento