Si è spento Loris Dadam, il personaggio più eccentrico dell'urbanistica con baffoni e papillon

Città in lutto

Loris Dadam, personaggio di spicco dell'urbanistica cittadina

Si è spento martedì 10 luglio 2018 Loris Dadam, uno dei personaggi più eccentrici di Torino. Ingegnere, urbanista, artista, storico e critico d'arte, Dadam si era trasferito sotto la Mole molti anni fa per studiare al Politecnico e da allora non ha più lasciato la città, diventandone uno dei protagonisti più attivi, in particolare durante la rivoluzione del '68. 

Animatore della Fondazione San Secondo e Direttore scientifico della Fondazione Giorgio Amendola ne ha promosso per anni le attività, amava la vita, Londra che conosceva molto bene e il rock e non passava inosservato grazie ai suoi eccentrici baffi e al bizzarro papillon. Da 47 anni esercitava la professione di ingegnere.

I funerali si svolgeranno  giovedì 12 luglio alle ore 10 presso la Chiesa San Secondo Martire, in via San Secondo 8 a Torino.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Rio

Notizie di oggi

  • Elezioni Europa 2019

    Europee: la Lega primo partito in Piemonte ma a Torino vince il Pd

  • Elezioni regionali piemonte 2019

    Regionali in Piemonte, secondo gli exit poll è Alberto Cirio il nuovo governatore

  • Cronaca

    Sfondano la vetrata del bar a bastonate, il proprietario li sorprende e li insegue

  • Elezioni comunali 2019

    Amministrative, urne chiuse: lo spoglio lunedì 27 maggio dalle 14

I più letti della settimana

  • Perde il controllo della moto sull'asfalto viscido: centauro muore sul colpo

  • Più 42 nuovi negozi e 600 addetti: Settimo Cielo è il parco commerciale più grande d’Italia

  • Investita da un’auto mentre attraversa la strada: donna morta

  • Investita all'ultimo mese di gravidanza: caccia al pirata della strada. Poi parto miracoloso in ospedale

  • Tragedia nell'azienda: morto un giovane ingegnere

  • Scritta "W il Giro e la Fi.." sulla rotonda dove passerà il Giro d'Italia: caccia all'autore

Torna su
TorinoToday è in caricamento