Se non ci fosse la Mole: gli “altri” 10 simboli storici di Torino

Quale sarebbe l’emblema della città se non ci fosse la Mole Antonelliana?

La Mole Antonelliana è un edificio di neanche 200 anni, la cui costruzione è iniziata nel 1863 per terminare nel 1889. Eppure nessuno può negare che la Mole sia il monumento, il luogo simbolo di tutta la città di Torino, tanto da finire stampata ovunque da decenni, comprese le monete da due centesimi di euro.

In una città dalla storia millenaria come Torino, però, è almeno insolito che il posto più iconico sia relativamente “recente”. Il Colosseo di Roma, ad esempio, ha duemila anni, ma anche senza scomodare la Città Eterna basta pensare al Duomo di Milano, alla Torre di Pisa, al Ponte Vecchio di Firenze, alla Basilica di San Marco a Venezia, o al Maschio Angioino di Napoli (per non parlare del Vesuvio).
 

Abbiamo quindi deciso di fare una “antologia” con altri dieci (più un extra) edifici, monumenti e luoghi simbolici della storia e dell’immagine di Torino. Ognuno può scegliere il proprio “luogo del cuore” tra i dieci selezionati (più uno “extra”) o proporne altri, e provare a immaginare come si rappresenterebbe la nostra città, se non ci fosse l’ormai “classica” Mole Antonelliana

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pane, olio e altri beni primari con i prezzi gonfiati del 200%: denunciato titolare

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Cirio firma l'ordinanza: "Da lunedì i supermercati potranno vendere cancelleria"

  • Coronavirus, Università di Torino: "La carenza di vitamina D può aumentare i rischi di contagio"

  • Stanotte torna l'ora legale, lancette in avanti: "Un mix critico col Coronavirus"

  • Il virus si è portato via Franco il Baffo: la cittadina in lacrime per lo storico vigile, politico e sportivo

Torna su
TorinoToday è in caricamento