Stop ai rifiuti di chi si ubriaca nei luoghi pubblici: la sindaca vieta il consumo di alcolici

Già multate sei persone

imma

Carmagnola vietata a chi vuole bere alcolici. La sindaca Ivana Gaveglio ha emanato, a inizio giugno 2019, un provvedimento che impone il divieto al consumo di alcol nei parchi pubblici, nelle piazze e nelle strade vicino ai supermercati, 24 ore su 24. Lo scopo è combattere il degrado, ossia coloro che si ubriaca nei luoghi pubblici lasciando poi un tappeto di rifiuti da smaltire.

L'ordinanza, che resterà in vigore fino al 30 settembre, ha già consentito ai carabinieri di multare sei persone: 50 euro ciascuna.

I luoghi vietati

Non si può bere alcolici di alcun tipo nel parco della Cascina Vigna, nelle vie Bobba, Garibaldi, Ex Internati, Savonarola, Battisti, Francesco di Sales e Donizetti, in piazza IV Martiri, nel giardino Caduti Senza Croce. Non ci sono soltanto parchi pubblici ma anche zone vicino a supermercati dove i giovani erano soliti fare il pieno di bottiglie che poi venivano abbandonate in strada dopo il consumo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Naturalmente il divieto vale soltanto nei luoghi pubblici. A casa propria e nei bar ognuno può continuare tranquillamente a bere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

  • Colto da raptus, devasta il dehor del bar con un bastone: panico tra i turisti

  • Accoltella alla schiena un uomo seduto su una panchina: arrestato per tentato omicidio

  • Apre la finestra, va sul balcone e si getta nel vuoto dal secondo piano: donna morta

  • Bimbo di un anno e mezzo cade nella piscina gonfiabile di casa: morto dopo tre giorni

  • Chiuse in casa e costrette a prostituirsi "altrimenti diffondiamo i video": tre ragazze liberate

Torna su
TorinoToday è in caricamento