Festa dell’Europa: proiettato sulla Mole il logo della Presidenza romena del Consiglio UE

La Città vicina alla comunità romena composta da circa 80 mila persone, residenti in tutto il territorio metropolitano

Il logo della Presidenza romena del Consiglio UE sulla Mole Antonelliana (Foto di Mihai Bursuc)

"L'Europa non potrà farsi in una sola volta, né sarà costruita tutta insieme; essa sorgerà da realizzazioni concrete che creino anzitutto una solidarietà di fatto". Questo è uno dei paragrafi quanto mai attuali della dichiarazione Schuman, il discorso tenuto a Parigi il 9 maggio 1950 da Robert Schuman, l'allora Ministro degli esteri del governo francese. 

Il 9 maggio 2019, 69 anni più tardi, si celebra la Festa dell’Europa con, in mente, il suo particolare significato. La Dichiarazione Schuman ha posto le basi di una visione comune sui principi dell’unità e della libertà, sulle quali si fonda il progetto europeo.  

Logo della Presidenza romena del Consiglio UE proiettato sulla Mole

A Torino la festa è stata ricordata dalla proiezione del logo della Presidenza romena del Consiglio UE sulla Mole Antonelliana, mentre a Sibiu, nel cuore della Transilvania, la festa dell’Europa è stata celebrata attraverso il Summit informale dei capi di stato o di governo, una riunione importante per il futuro dell’Unione. La Città di Torino, dunque, si è unita all’orgoglio della sua comunità romena, composta da circa 80 mila persone, residenti in tutto il territorio metropolitano, mettendo a disposizione il suo monumento simbolo per celebrare insieme questa ricorrenza storica. 

 Chiara Appendino, sindaca di Torino: “La comunità romena di Torino è una presenza importante, attiva e propositiva, che ha messo radici profonde e si è rapidamente integrata nel tessuto sociale ed economico della città. Siamo orgogliosi di ricordare insieme ai romeni torinesi questo momento importante che rinsalda le nostre comuni radici europee e fortifica la convivenza civile”.

Principali tappe della Romania in UE

Il 1 Gennaio 2007 la Romania entrava a fare parte della grande famiglia europea e 12 anni più tardi, il 1 gennaio 2019 la Romania detiene per la prima volta la presidenza semestrale del Consiglio dell’Unione europea. Le priorità della presidenza della Romania al Consiglio UE si impostano quindi su quattro pilastri: un’Europa della convergenza; un’Europa più sicura; un’Europa come più forte attore globale; un’Europa dei valori comuni. I principali obiettivi circoscritti a queste priorità consistono nella promozione della parità di genere a livello legislativo e nel mondo del lavoro; la lotta contro ogni forma di discriminazione e populismo; l’attenzione alle questioni migratorie e lo sviluppo dell’agenda sociale e della competitività tramite ricerca e innovazione, digitalizzazione e connettività.
 
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Matrimonio da favola per Cristina Chiabotto e Marco Roscio: la festa alla Reggia

  • Mancano le autorizzazioni per vendere: chiusa la panetteria del centro commerciale

  • Il Comune di Torino assume: 238 nuovi dipendenti entro la primavera 2020

  • Ragazzo di 18 anni si butta dal quarto piano, è gravissimo

  • Trovato cadavere in casa, accertamenti in corso

  • Addio a Giuseppe, il papà con la passione della auto storiche, e alla figlia Nicole

Torna su
TorinoToday è in caricamento