Il sacerdote fa un appello al Sindaco: “Rendiamo accogliente la piazza del monastero”

Per la risistemazione dell’area antistante lo storico complesso millenario

Don Adriano Gennari

“Una piazza per l'abbazia di Casanova”. E’ quanto chiede nel suo appello, al Comune di Carmagnola, Don Adriano Gennari per rendere più accogliente l’area antistante lo storico complesso millenario, sempre più meta di un frequente pellegrinaggio religioso e culturale, che richiama fedeli e visitatori da ogni parte d’Italia per assistere alle numerose celebrazioni eucaristiche che si svolgono all’interno.

L’ appello del sacerdote   

 “Desidero rivolgere un delicato e speranzoso appello al Comune di Carmagnola per chiedere un interesse vivo sull’area antistante il Monastero, che necessita di un piano di intervento strutturale importante, per restituire decoro e accoglienza ai numerosi visitatori del complesso” spiega il sacerdote collaboratore della Parrocchia di Casanova e anche Superiore dei Sacerdoti dell’Ordine di San Giuseppe Benedetto Cottolengo.

Conclude fiducioso Don Adriano Gennari: “Disponibilissimi anche per un tavolo di confronto condiviso e costruttivo con l’Amministrazione Pubblica, al fine di integrare sempre più l’Abbazia di Casanova nel contesto delle eccellenze carmagnolesi che possano fungere da richiamo e attrattiva anche culturale e turistica, oltre che religiosa, per la cittadinanza Carmagnolese”.  
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Qualità dell’aria, scatta il livello viola: bloccati tutti i veicoli euro 5

  • La folle corsa di due carri-attrezzi a 120 km/h: patenti ritirate ai conducenti, multe per 2.700 euro

  • Omicidio-suicidio nella villetta: marito uccide la moglie con un colpo di balestra e poi si toglie la vita

  • Scende dopo lo scontro con un'altra auto e viene investito: morto

  • Emergenza smog: continua lo stop a tutti i veicoli diesel fino agli Euro 5

  • Ragazza investita dal treno, morta: è stato un incidente. Circolazione ferroviaria bloccata

Torna su
TorinoToday è in caricamento