Al via Friendly Piemonte, "omofobia no grazie"

Ascom Torino, GTT, Città di Torino e nove comuni dell'area metropolitana aderiscono al progetto di promozione turistica e di sensibilizzazione contro l'omofobia dell'associazione QUORE

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TorinoToday

Prende il via a Torino e in nove comuni dell'area metropolitana la campagna FRIENDLY PIEMONTE. OMOFOBIA NO GRAZIE indirizzata ad operatori turistici ed esercenti, per diffondere la cultura del rispetto delle differenze, contrastare l'omofobia e per rendere il territorio più accogliente e attrattivo da un punto di vista turistico.

Ideata da Quore, associazione di promozione sociale per i diritti lgbt (lesbian, gay, bisexual & transgender), promossa in collaborazione con Ascom Torino, GTT Gruppo Torinese Trasporti e con il patrocinio del Consiglio Regionale del Piemonte, FRIENDLY PIEMONTE ha l'adesione del Comune di Torino e dei Comuni di Beinasco, Chieri, Chivasso, Collegno, Grugliasco, Moncalieri, Nichelino, Rivoli e Venaria che hanno accolto con favore l'azione di sensibilizzazione in relazione agli episodi di violenza e di bullismo a sfondo omofobo, sempre più frequenti nel nostro paese e nelle nostre città.

La nuova campagna FRIENDLY PIEMONTE. OMOFOBIA NO GRAZIE distribuirà da gennaio presso negozi, strutture di accoglienza turistica ed esercenti vari, dei comuni le vetrofanie "Omofobia No Grazie" con il logo Friendly Piemonte. Uno slogan comprensibile anche per il turista straniero e un segnale distintivo per il turista LGBT che, proprio nella scelta della meta, privilegia luoghi o paesi che tradizionalmente sostengono la diversità culturale, accolgono e valorizzano le differenze e sostengono i diritti lgbt. Vetrofanie e materiali informativi saranno distribuiti dai volontari e dalle volontarie dell'Associazione Quore, mentre per Comuni ed Associazioni che ne faranno richiesta, sono previsti incontri e brevi percorsi di sensibilizzazione: una modalità individuata con l'obiettivo di informare e migliorare le pratiche di accoglienza di operatori turistici ed esercenti.

Il progetto FRIENDLY PIEMONTE nasce nel 2009 per promuove il territorio torinese e piemontese verso il target di turisti omosessuali, una nicchia di mercato dalle grandi potenzialità di sviluppo: «Secondo i dati - spiegano Alessandro Battaglia e Silvia Magino dell'associazione Quore nella conferenza stampa di presentazione - in Italia costituisce il 7% del fatturato annuo complessivo, pari a 3.2 miliardi di euro. Le opportunità sono legate sia all'aspetto meramente numerico ed economico, sia ai contenuti sociali e culturali connessi alla qualità ed alla composizione di tale pubblico. Parlare di accoglienza del turista LGBT non significa pretendere trattamenti speciali ma parità di rispetto e considerazione. Talora sono piccoli gesti, sguardi, parole che marcano la soglia di una buona accoglienza o, al contrario, determinano una percezione di sgradevole disagio».

La nuova fase del progetto FRIENDLY PIEMONTE. OMOFOBIA NO GRAZIE è fortemente innovativa nel panorama italiano perché, grazie al lavoro in rete con operatori di settore e soggetti istituzionali come Sviluppo Piemonte Turismo e Turismo Torino, potrà garantire una diffusione capillare e, per la prima volta di così ampio raggio su un'area metropolitana: il Comune di Torino e nove Comuni coinvolti contano circa 1 milione 270 mila abitanti.

Maria Luisa Coppa Presidente di Ascom Torino, introducendo l'impegno dell'Associazione che garantirà la promozione dell'iniziativa ha sottolineato: "Torino e il Piemonte hanno da sempre dimostrato a livello istituzionale e nella stragrande maggioranza della popolazione, una particolare sensibilità e attenzione alla tutela dei diritti e delle libertà - civili, religiose e sociali in genere - di ognuno. Una campagna che si propone di sviluppare una cultura del rispetto delle differenze e di migliorare le pratiche di accoglienza di operatori turistici ed esercenti non poteva quindi che sfondare una porta da sempre aperta nel caso specifico della nostra Organizzazione".

Tutte le informazioni sulla campagna FRIENDLY PIEMONTE. OMOFOBIA NO GRAZIE
su www.quore.org - segreteria@quore.org

Torna su
TorinoToday è in caricamento